Volontari e ospedali

Ieri sera ho prosgeuito la mia "carriera" di volontario alla Festa de L’Unità. Dopo tanti anni ho rifatto il cameriere e devo dire che è stato un "lavoro" particolarmente duro. A parte il fatto che l’esordio non è stato dei piu’ esaltanti, visto che ho rovesciato mezzo vassoio di insalata di mare sulla schiena di un gentilissimo cliente…Non è comunque questo il punto della questione. Il punto è che ieri c’era una cena "di sottoscrizione" a cui erano invitati tutti i "guru" della città e della provincia. Una cosa assolutamente normale, che puo’ essere giudicata in maniera positiva o meno. Pero’ mi sono stupito, e mi stupisco, del fatto che non si riesce a incarnare piu’ lo spirtio che c’era qualche tempo fa a questi tipi di manifestazione. L’allegria e, soprattutto, la passione di fare certe cose. Aspetti che portavano sindaci, assessori o anche presidenti di banca a fare i volontari, per cui vedevi persone che una settimana prima erano in televisione (non che questo fosse un pregio, ma per farvi capire…) indaffarrate a servire ai tavoli oppure intenti a lavare piatti oppure ancora a preparare una bistecca alla brace. I tanti cambiamenti, alcuni (forse) anche giusti, che ha subito la politica hanno portato a questo, ma vorrei che quella passione e quella umiltà, il pensare di essere tutti uguali (almeno in cert contesti), fossero recuperate e conservate. A me (e io non sono certo un guru della città) è piaciuto, molto, stare a contatto con persone di diverse generazioni, ognuna delle quali può insegnarti qualcosa o semplicemente farti fare una risata (come il compagno che ieri distribuiva il vino…mentre mi stappava le bottiglie di bianco mi strizzava l’occhio e mi faceva "Ora se ne apre una di quello buono per noi ehhh… ma beviamo con giudizio che poi si va dalle signorine…"). Stasera la cena dei volontari, in cui spero di rivedere un pò di quella passione. Intanto oggi pomeriggio passerò dal reparto di neonatologia delle Scotte di Siena a trovare una persona. Un posto felice, prima di approntare (a metà settembre, piu’ o meno), un reparto un po’ meno felice.
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Volontari e ospedali

  1. martina ha detto:

    cosa?????ma allora non ti chiamo a servire da noi!!!:)
    per il resto….sono d’ccordo in pieno
    ciao alè

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...