Ho ancora il vomito per quello che riescono a dire

Lo sapete quale è il bello di vivere in una società come quella di oggi? Che tutto e il contrario di tutto si assomigliano. Anzi, sono identitici. Uno può benissimo dire bianco e il giorno dopo negarlo, giurarlo sui suoi figli. Incredibile. E il resto delle persone? Silenzio. Un silenzio assordante. Un silenzio semplicemente egoista.
Non importa, andiamo avanti. Nel mio piccolo vado avanti nel mettere apposto le milioni di cose che avevo riposto nei miliardi di scatole che ho. Incredibile come è facile dimenticarsi di alcune cose che hai e che non sapevi e non ricordavi di avere. Tra l’altro, molte di queste assolutamente inutili. Che però ti ricordano qualcosa, qualcuno, qualche situazione bella o qualche situazione un po’ meno bella. Ed infatti le "situazioni" meno belle verranno presto cestinate. Invece sto riempiendo la mia libreria, un piccolo sogno cullato e realizzato. La sconvolgerò di continuo, lo so, rimettendola a posto (o in disordine) miliardi di volte. Riscopriro’ vecchi libri e ne aggiungero’ miliardi di nuovi. Il bello di averne tanti. Presto ci sarà l’inaugurazione della casa, non vi preoccupate.
 
Questa è per chi mi vuole male. Certa gente, proprio, non ha ritegno, neppure di fronte all’evidenza. Prima o poi il tonno finirà, diceva un mio avo.
"…a parte che ho ancora il vomito, per quello che riescono a dire… non so se son peggio le balle oppure le facce che riescono a fare…"
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...