Saldi

Questa mattina mi sono svegliato con la neve. Si fa per dire, perchè dopo mezz’ora, il tempo di farmi la doccia o poco più, e la neve aveva già smesos di scendere. Ed io che già sognavo di andare nel cortiletto a fare un bel pupazzone con annessa carota al posto del naso. Oppure scivolare su un sacco della spazzatura nel curvone dietro casa. Peccato. Un sogno che si è sciolto come, appunto, un fiocco di neve. Peccato, ma c’è molto di peggio nella vita. Come il fatto che i morti, gli ennesimi, in Palestina passino quasi del tutto inosservati e che si preferisca aprire i telegiornali con i saldi post-natalizi. Follie preferenziali di questo nostro mondo piegat alla conformità dell’apparenza. Io parlerei più volentieri del fatto che abbiamo venduto, a saldo, la nostra dignità.

"…Soltanto i pochi che si incazzarono dissero che era l’ usato passo
fatto dai soliti che ci marciavano per poi rimetterlo sempre là, in basso!
Poi tutto tacque, vinse ragione, si placò il cielo, si posò il mare,
solo qualcuno in resurrezione, piano, in silenzio, tornò a pensare…"

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...