Il professor Calabrese

Ho avuto modo di seguire due corsi e fare due esami con Omar Calabrese. Non posso dire di averlo conosciuto in maniera intima, solo posso portare la mia piccola testimonianza di un uomo gioviale, creativo e assolutamente fuori dal comune. Un professore, come lo ha definito alla cerimonia funebre il suo maestro Eco, assolutamente non baronale, che riusciva peraltro a rendere semplici, eppure così affascinanti, le sue teorie sulla comunicazione, la semiologia e l’arte. Ricordo con grande piacere i due esami affrontati con il professor Calabrese e quel suo grande sorriso sotto i baffi alla fine di ogni lezione. Ieri, purtroppo per l’occasione, ho rivisto tanti vecchi volti noti dell’allora avventura di Scienze della Comunicazione a Siena, di cui Calabrese è stato uno dei promotori. Un personaggio poliedrico, di cui ho avuto anche il piacere di seguire altri corsi sulla comunicazione politica e sulla massmediologia. Come resta nel mio ricordo una delle mie primissime interviste, appena ventenne, ancora con il registratore a cassetta, all’allora Omar Calabrese assessore della cultura, in cui mi permisi di citare, addirittura, il suo “L’età neobarocca”. Resteranno i suo libri, ma anche il suo sorriso. Che qualcuno si ricorda anche nella Giraffa, dove Omar Calabrese, insieme a Marco Roghi, arrivò giovanissimo e portò la sua grande vitalità. Mi ricordo di lui dietro al “cappotto” del 1997 e poi esultante durante altre Vittorie. Qualcuno, sul web, intanto, dovrebbe chiedere scusa per non aver perso tempo, in passato, a sputargli addosso.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...