Senesità

C’è una strana tendenza in questi giorni (settimane, mesi) a Siena. Credo sia generalizzata a livello mondiale, ma, per quanto la possa conoscere, mi pare estremizzata nella città del Palio. La tendenza al disfattismo totale. Che è diverso dalla critica, pur aspra e dura, quella cirtica che servirebbe, però, per crescere. I senesi, da tempo immemore, si vantano, a ragione, di essere capaci di diventare una forza granitica di fronte all’esterno e di fronte alle difficoltà. A volte, in questi periodi difficoltosi, mi pare che questa forza venga meno, che quella roccia senese abbia delle crepe interne. Prendo ad esempio al candidatura per Siena capitale europea della cultura 2019. Percorso difficile, molto, concorrenza stra-ricca, forse irraggiungibile. Siena è in corsa, però, ha qualche potenzialità, magari da sfruttare più e meglio, anche se il tempo c’è per dar corpo, come si dice adesso, ai progetti fin qui solo disegnati. Di certo sarebbe una grande opportunità, visti i tempi grami, di rilancio di tutta (leggasi: tutta) l’economia della città. Tutti son d’accordo che con la Fondazione Mps in difficoltà, servono alternative per dare linfa alle casse asfittiche di Siena (commercio, turismo ecc. ecc.). Insomma, servirebbe grande unità di intenti, forza collegiale, persino convinzione nei propri mezzi. In una parola: senesità, quella che tanto decantiamo,che, a volte (personalmente) ritengo sinonimo di ristrettezza mentale. Ed invece, cosa sento, da qualcuno, in giro? Che è un progetto senza gambe, è un fallimento, che sono meglio altre città (Bari? Ma ci siete mai stati a Bari, con tutto il rispetto?), che è una candidatura solo politica, che non c’è futuro. Può anche darsi, ma se Siena avesse una pur minima possibilità così ce la bruciamo: a quale pro? Per denunciare cosa? Per poi sputare sopra il Comune, la Fodnazione, l’Università, le Scotte? Problematiche vere, certo, ma cosa c’entra l’Europa e la candidatura, non capisco. Il classico marito che si taglia i così detti per far dispetto alla moglie. Eppure, quando i delegati valuteranno la candidatura, oltre ai disegni e ai progetti, sapete cosa faranno? Andranno in giro, per le strade, a cercare di capire se i senesi sanno e sono convinti della candidatura. Quindi parliamo, dialoghiamo, informiamoci, confrontiamoci: sulla nostra storia senese, sul nostro orgolio, quello che tanto sbanderiamo a destra e manca. Ma sosteniamola, convintamente, perchè è un pezzo di futuro della nostra amata Siena. Ecco, adesso serve, davvero, senza preconcetti politici, personalismi egoistici e interessi di bottega.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Senesità

  1. serena ha detto:

    hai ragione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...