Senza se e senza ma

Credo che chi ha il coraggio delle proprie idee, che crede nel suo progetto, non debba mai temere il confronto. In nessun momento della vita. Che poi questo confronto si concretizzi, per un partito, un movimento, un’associazione, nelle elezioni è del tutto normale. A Siena esiste una crisi, forte, anche a livello politico, economico e finanziario. La “normalità” è quella di tornare alle urne, di ridare forza ad un’amministrazione legittimandola con la volontà del popolo: la sospensione della democrazia non può mai essere un bene, pur con tutto il rispetto per il commissario. In un momento così complicato c’è bisogno di rappresentanti che abbiano diretto e stretto contatto (anche confronto, anche duro) con i cittadini, fin da subito. Che si facciano promotori della “buona politica”, che ascoltino i senesi e provino a risolvere i problemi. Se poi non ci riescono è un altro discorso. Non sono discorsi al vento, c’è una concretezza quotidiana che tocchiamo con mano. Il commissario prefettizio, lo ripeto fin da quando ancora neppure si paventava il suo arrivo, è un matematico: può essere bravissimo a fare i conti, può essere una personale eccezionale, ma un conto è avere una giunta e un consiglio comunale, un conto un commissario. Ergo, se c’è davvero la possibilità, che elezioni siano prima possibile. Senza se e senza ma, come direbbero i sindacati.

Ps: al Maestro Giacomo, che mi risponde con validissime argomentazioni che entrano nel merito delle questioni (“Più enologo che giornalista”) in linea, del resto, con lo stile del blog (comprese parole come “culo”) dei fratelli con il lume, dico che un po’ di calma e gesso non guastano mai, perchè, incredibilmente, la Verità non è solo quella loro.

Ps parte due: invece di dare sponda a tali situazioni, augurando addirittura “buon lavoro” (sarebbe meglio dire “buona infamia”), caro Eretico “sotuttoioevoiinvecenonsapeteniente”, facciamo questo bel dibattito pubblico sui temi di anonimato e libertà di informazione?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Senza se e senza ma

  1. Pingback: La buona politica. A Siena non l’ho mai vista… « IL SANTO NOTIZIE DI SIENA

    • eliofanali ha detto:

      Io invece si. Qualità della vita: un termine che ne racchiude tantissimi altri e che, bene o male, abbiamo vissuto per tanti anni. Di qualcuno sarà pure colpa. Ora la “buona politica” deve rinnovarsi e mantenere alta questa qualità, magari riconquistarla.

  2. leo c. ha detto:

    aggiungo un commento: un commissario prefettizio deve fare un lavoro: risanare i conti, potrebbe vendere mezza città (portandolo all’assurdo), potrebbe far morire il principale polo museale della città, ma se risana i conti il suo l’ha fatto, rende conto al ministro non alla città…Una giunta deve fare i conti con la cittadinanza. Ogni consigliere o assessore comunale deve farci i conti, perfino qualche manovratore che sta alla regione dovrà farci i conti e sbatacchiarci il muso. E non bisogna essere enologi per capirlo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...