Ripartire

Il noto quotidiano comunista che guarda anche al Pd “Sole 24 ore” ha ricollocato Siena al top della qualità della vita in Italia, addirittura in crescita rispetto al passato: secondo posto dietro a Bolzano. In 23 edizioni della classifica Siena si è piazzata, negli ultimi anni, sempre nella top ten. Qualcosa vorrà pur dire. Con qualche distinzione: alcuni indici non sono positivi, su altri bisogna effettuare giuste valutazioni. Ma i parametri sono quelli e, sinceramente, la fonte mi pare neutra e attendibile, visto che e’ anche la stessa che non ha risparmiato, altre volte, critiche. Il risultato, però, (e non solo quello di quest’anno) rimane ed è certificato da un ente “terzo”, al di fuori da certe dinamiche interne. Questo NON vuol dire che va tutto bene. Chi lo dice, sinceramente, non ha percezione di una realtà che vive situazioni di gravissima crisi. Però due considerazioni: la prima è che non è così vero che faccia tutto schifo; la seconda è che qualche (non tutte, ma alcune sì) scelte del passato sono state giuste e lungimiranti. Infine: da questi dati si può ripartire. Non devono essere un punto di arrivo, ma una ripartenza. Dando uno sguardo alle criticità.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Ripartire

  1. margherita carignani ha detto:

    Ma il fatto che per i senesi vivere a Siena è diventato costosissimo, il fatto che a Siena non si trova lavoro (anzi che ce l’ha lo perde), il fatto che molti se ne sono andati, il fatto che il costo delle case è insostenibile, il fatto che dal medioevo a oggi la popolazione non è cresciuta affatto (infatti alla fine del 1200 a Siena vivevano circa 50.000, come ora che siamo ne 2012)….hanno messo negli indici per calcolare il benessere senese anche queste variabili?
    Scusa la domanda sembrerà naive, ma mi chiedevo sulla base di quali fattori calcolano il benessere di una città. Boh?!

  2. margherita carignani vasconetto ha detto:

    ….Intanto però “Moody’s taglia il rating del Comune da Baa2 a Baa3, a causa dell’aumento del costo del debito e del calo dei contributi di Fondazione Mps” (dal Corriere Fiorentino del 30/11/2012).

    • eliofanali ha detto:

      Beh questo era abbastanza scontato, visto che l’azione intrapresa per staccare il bilancio del Comune dalle erogazioni della Fondazione, come fatto negli ultimi dieci anni, è stata bruscamente interrotta sappiamo come e da chi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...