Querele di serie A e querelati di serie B

Sinceramente non pensavo che l’ordinamento italiano prevedesse la “querela di serie A” e la “querela di serie B” o, se preferite, il “querelato di serie A” e il “querelato di serie B”. Sono belle scoperte in questa pazza città, in questo pazzo dibattito senese. Dibattito si fa per dire, perchè si continua a parlare del niente, facendo ricostruzioni parziali e sempre a danno di qualcuno, occultando clamorosamente gli errori di altri. E magari anche i propri, visto che ci siamo. Fatto sta che la querela e il querelato valgono di più o di meno, a seconda di chi fa querela e di chi è querelato. E’ strano. Non ho visto, nè letto, nessuno strapparsi le vesti o riempirsi la bocca di frasi tipo “non c’è democrazia”, “vogliono mettere il bavaglio alla stampa e alla libertà di pensiero”, “c’è il regime” e chi più ne ha e più ne metta, eccetera, eccetera, eccetera, quando è successo questo (http://www.ilcittadinoonline.it/news/163582/L_ex_sindaco_Piccini_denuncia_un_blogger.html); mentre vedo e leggo una grande agitazione quando qualcuno ha dichiarato di voler valutare eventuali azioni legali (l’italiano non è un ‘opinione), quando è successo quest’altro (http://www.quisiena.corrierenazionale.it/politica/2013/09/20/news/42299-Mugnaioli-su-Montigiani-Lega-Nord-Valuteremo-con-i-legali-le-azioni-a-tutela-del-Pd-); oppure quando è successo quest’altro (http://www.ilcittadinoonline.it/news/153878/Sposetti__DS__querela_il_Cittadino_on_line.html). Diciamo che dipende un po’, ma diciamolo. Si difende questo o quello, a prescindere. Cioè dipende dalla propria opinione, dalla propria “linea editoriale”, perfino da cio’ che ci pensa. Peccato che un principio, quando vale, vale sempre. E il mio principio, come ho scritto anche altre volte, vale sempre e comunque.  Chi si sente offeso, per qualsiasi motivo, fa bene ad agire nelle sedi opportune. Così è la legge. Sarà poi un giudice, un terzo insomma (non di parte), a dire, secondo la legge, chi ha torto e chi ha ragione.  E’ altrettanto vero che non si può e non si deve mai usare lo strumento della querela per “imbavagliare” il pensiero altrui, in una sorta di minaccia, come qualche volta è stato fatto in passato, anche a livelli nazionali. Ma  questo ragionamento, come il precedente, non può essere giusto solo per qualcuno, ma per tutti. Diciamo pure che in questo pazzo momento che sta vivendo Siena nessuno è Santo, nessuno è trino e nessuno è sopra le parti. Ognuno ha una sua opinione, ognuno ha una sua parte. Basta dirlo, come si legge qua (http://lamartinelladisiena.wordpress.com/2013/09/24/i-rovescioni/). Si chiama onestà intellettuale. Di tutti, anche di chi si autoproclama “cane da guardia” di questo o di quello, di chi pensa di avere la Verità e il Verbo in mano, di chi soloneggia da tempo sul web, di chi sparge dall’Altare (il suo) roba marrone e puzzolente sulla città, ben sapendo che poi non toccherà a lui, dall’alto del suo Altare, per l’appunto, cercare faticosamente di uscirne per campare.

PS: Caro Eretico, io a Siena Tv ci sono “di casa e di bottega” perchè, fino a prova contraria, di lavoro faccio (o provo a fare) il giornalista, versando (anche in quella sede) lacrime e sangue e restando (nonostante un curriculum di tutto rispetto, perdonerai l’ardire) un super precario. La prossima volta che passi si farò trovare un tappeto rosso, almeno sarai di casa e bottega anche tu.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Querele di serie A e querelati di serie B

  1. Già nel 2009 Beppe Grillo sollevò la questione della “querela” come arma per imbavagliare la libera informazione (http://www.beppegrillo.it/2009/08/la_querela_per.html):

    La querela per diffamazione va depenalizzata. E se si richiede un indennizzo economico, chi fa la querela dovrebbe depositare in anticipo l’intera somma richiesta su un conto a disposizione del Tribunale. Se perde la causa, il deposito servirà a risarcire il querelato. Troppo comodo infangare, spaventare e cavarsela con le sole spese processuali.
    Di solito si querela la verità, mai la menzogna. Di solito chi querela sono i politici e i rappresentanti delle cosiddette istituzioni, mai i cittadini. Di solito la querela viene usata in mancanza di altre argomentazioni per finire sui giornali di regime e fare la figura dell’innocente.

    "Mi piace"

    • eliofanali ha detto:

      Per chiarire ancora meglio il mio pensiero. Io non sono contro le querele a prescindere, sono a favore della legge. E sono estremamente contrario al “due pesi e due misure”: se una querela è un bavaglio all’informazione lo è sempre, se una querela è giusta lo è sempre. Non “dipende” da chi la fa o da chi la riceve.
      Saluti

      "Mi piace"

  2. raffaele ascheri ha detto:

    Caro Elio,
    scusa ma mi sembri un pochino prevenuto.
    Che tu sia “di casa e di bottega” a Siena Tv, oltre ad essere un fatto, non è certo cosa offensiva: figurati, pensavo ne saresti stato contento.
    Quanto alle querele – come ti ho detto a voce – ancora di strada devi farne, prima di raggiungermi…

    L’eretico

    "Mi piace"

    • eliofanali ha detto:

      Caro Eretico, con te non si sa mai. Se non è offensivo, tanto meglio. Sulle querele, sai come la penso. Nono solo “galloni” da mettersi al braccio o medaglie da mettersi al petto. Ma se la gente si strappa le vesti per qualcuno, che se le strappi per tutti.
      Elio

      "Mi piace"

  3. Non servono nè eroi nè medaglie, I vestiti non si strappano, ma è la verità la discriminante e l’unica cosa che unisce ed ispira gli eroi civici come Raffaele:

    (…anche fotogenico!)

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...