Niente questua

Dunque non ci sarà pedaggio questua sulla Siena-Firenze. Lo ha ribadito il viceministro alle infrastrutture Vincenzo De Luca in un’audizione avuta con il segretario provinciale del Pd di Siena Niccolò Guicciardini. Il “no” lo hanno ribadito anche ieri i due parlamentari senesi Luigi Dallai e Susanna Cenni. Per la verità si era tornati a parlarne perchè due senatori della Lega Nord Jonny Crosio e Silvana Andreina Comaroli, avevano (hanno?) presentato un emendamento alla legge di stabilità che autorizzava Anas ad introdurre il pedaggio sui raccordi autostradali, come appunto la Siena-Firenze (vedi post precedente). Proprio la Lega Nord pare caduta in una qualche contraddizione. A parte il fatto che proprio su questo blog è stato scritto “lo abbiamo fatto ritirare” e poi il segretario comunale ha fatto un comunicato che, in qualche modo, “difendeva” la sua esistenza (insomma è stato ritirato o no?), mi pare che sia accaduto un po’ come quando, si chiedeva al Mps (http://www.sienatv.it/web/notizie/1-cronaca/6685-la-lega-nord-contro-le-sponsorizzazioni-del-monte.html) di tagliare tutte le sponsorizzazioni sportive (abbiamo visto i risultati, con problemi per tante società del territorio, non solo Mens Sana e Siena) però poi a Siena, magari, si scendeva in piazza insieme ad altri tifosi per chiedere allo stesso Monte di sostenere la Robur. Se scorriamo il comunicato ufficiale e lo edulcoriamo dalle polemiche politiche e dai riferimenti alla Salerno-Reggio Calabria di cui, in questo contesto, ci interessa poco, leggiamo: “L’ANAS potrebbe escludere le due arterie senesi, che versano in un vergognoso stato, dall’elenco di quelle strade che non hanno le caratteristiche richieste per le autostrade”. Potrebbe, dunque, condizionale non obbligatorio. In più direi che la Siena-Bettolle, pur non proprio una strada moderna, versa in condizioni enormemente più felici rispetto all’Autopalio. “In più dall’emendamento – si legge ancora, dunque l’emendamento esiste – , qualora (qualora? O si o no) l’Autopalio e la Bettolle-Perugia dovessero rientrare tra le strade a pagamento, sono previste agevolazioni o esclusioni dall’imposizione dei nuovi pedaggi per i cittadini residenti e per le imprese presenti sul territorio, non essendovi percorsi alternativi”. Non sapevo che per arrivare a Firenze ci fosse solo l’Autopalio (la Cassia è chiusa?), ma al di là di questo un’agevolazione è un conto, un’esenzione un altro: se agevoliamo, qualcuno paga comunque, anche se meno; se si esentano, perfino giustamente, residenti (anche se vorrei capire come) e ditte (si, ma anche i fornitori? Gli acquirenti? Come si farebbe?), questa strada chi la pagherebbe? I turisti? Ma non dovevamo favorire il turismo? E poi quanto pagherebbero?  “L’atto dei senatori leghisti – si legge ancora, dunque l’emendamento è un po’ come le scritte ”Dio c’è” sui cavalcavia, per l’appunto, delle autostrade – prevede inoltre che le nuove entrate siano utilizzate dall’ANAS S.p.A. prioritariamente per l’ammodernamento, la manutenzione e la messa in sicurezza del tratto sottoposto a pedaggio”. Vorrei anche vedere, aggiungo io. Al di là di tutto questo sarebbe forse più sensato proseguire sul dibattito serio e serrato, come del resto stanno facendo da tempo Provincia di Siena e Firenze ed enti locali (con scarsi risultati, purtroppo), con lo Stato per l’ammodernamento dell’Autopalio. Solo dopo un ammodernamento e un progetto serio, con asfaltatura, svincoli, corsia di emergenza e quant’altro, sarei disposto (per quanto possa valere la mia opinione) a pagare un pedaggio, magari necessario o per rimpinguare le casse dei lavori pubblici od anche quelle di un privato, nella logica del project financing. Senza esenzioni e esclusioni, senza agevolazioni, ma con qualche buca in meno. Cose, sempre dal mio umile parere, estendibili anche al Gra di Roma o alla Salerno-Reggio Calabria che, incredibilmente, pur al di qua del Po rimangono strade statali italiane.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...