Rimandata, ma dopo?

Niente quorum del cinquanta più uno per cento, l’assemblea degli azionisti del Monte dei Paschi è stata rinviata a domani, stessa ora, stesso luogo, quando basterà il 33,3% degli aventi diritto al voto. Numericamente domani si va verso un’approvazione dell’ordine del giorno della Fondazione che, con le proprie azioni, da sola copre detta percentuale ed anche i due terzi dei votanti, quota da raggiungere, di fatto, per far slittare l’aumento di capitale a maggio prossimo. Queste le prime valutazioni al momento, cui aggiungere, sempre al momento, il non gradimento dei mercati, visto che, dopo un’apertura positiva, il titolo sta scivolando. Poi ci sono le valutazioni sul prossimo futuro, cioè da qui a ventiquattro ore. Difficile capire gli scenari, che si profilano comunque drammatici. Il sindaco di Siena Bruno Valentini, ma non solo, continua ad invocare l’intervento del governo per non creare uno scontro fra Banca e Fondazione Mps che, se si realizzerà (come sembra), potrebbe lasciare entrambi i “treni” distrutti sul campo. Intervento che, a questo punto, appare difficile, come appare complicato che le parti trovino un accordo in queste ore, cosa non trovata fin qui, pur nei giorni non lavorativi del Natale. Qualche “ultras” già inneggia alle possibili dimissioni di Profumo e Viola nel caso che passasse la linea della Fondazione. Provo a guardare alla situazione immediata che si creerebbe dopo e non parlo di mesi, ma di giorni e soprattutto provo a guardare non ai singoli, ma al fantomatico “bene comune”, visto che in questa situazione, striscioni e sciarpe da tifosi di una parte servono a poco (a niente). Detta situazione sarebbe, insomma, comunque drammatica, perchè getterebbe la banca in pasto ai mercati. Del resto come accadrebbe con la nazionalizzazione. Insomma, lo scontro pare davvero inevitabile, come detto nei post scorsi: aumento sì, finisce la Fondazione; aumento no, banca nei guai. Come detto altre volte: dallo scontro è possibile che non esca nessun vincitore vero e proprio.

PS. fra le curiosità di questa mattina tantissimi “soloni” pronti a ipotizzare qualsiasi tipo di scenario, pronti a rilasciare interviste sullo scibile umano e poi pronti a dire “l’avevo detto”. Anche perchè, quando si parla di tutto e di più, si è come gli orologi fermi. Due volte al giorno ci azzeccano pure loro.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...