Propulsione

Annunciato ieri a margine della conferenza stampa di presentazione di “Tutto il Natale di Siena” dal sindaco Bruno Valentini, il Santa Maria della Scala riapre stamani. Di per se potrebbe sembrare una notizia scontata e senz’altro la “Siena Tafazzi” (che vincerà le prossime elezioni) la bollerà come “vorrei anche vedere”, magari anche con qualche ragione. In ogni caso prendiamola positivamente, come scrive La Martinella (http://lamartinelladisiena.wordpress.com/2014/11/25/il-s-maria-riapre/), anche perchè il Vecchio Spedale ospiterà nelle prossime settimane diversi eventi (fra cui le mostre di Mario Luzi ed una sulla cura ospedaliera, per chi volesse http://www.comune.siena.it/Tutto-il-Natale-di-Siena/Tutto-il-Natale-di-Siena). Detto questo è importante ribadire un concetto. Bisogna “dare gambe” al progetto di (ri)lancio del Santa Maria della Scala, secondo le indicazioni del Consiglio Comunale. Entro la fine dell’anno dovrà (dovrebbe) essere approvato il nuovo Statuto, quindi individuato l’organigramma con presidente e direttore generale/artistico. Tutto questo secondo la formula della fondazione di partecipazione (che, peraltro, gira e rigira, era la medesima individuata due anni fa, segno che quando le idee sono buone non hanno colore, anche se qualcuno gliele vuole dare per forza….Antonella Mansi docet), che permetterà di conciliare pubblico e privato, in assenza dei danari della Fondazione Mps. I soldi che arriveranno dalla Regione Toscana secondo quello che è stato bollato come “piano B” dopo la vittoria di Matera per il 2019 serviranno, ma non sono eterni e devono essere usati per propulsione e non per benzina (che poi finisce). L’accensione del motore va bene, quindi, ma poi la macchina dovrà andare da sola. Subito.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Propulsione

  1. Enrico Tucci ha detto:

    Il nuovo organismo di gestione del Santa Maria della Scala doveva essere presentato entro tre mesi dal 24 luglio, data in cui il consiglio comunale ha approvato il relativo atto di indirizzo. Nell’ordine del giorno del consiglio comunale di domani 27 novembre, dopo oltre quattro mesi, non si parla di questo atto fondamentale per la rinascita di Siena. Il pressappochismo della amministrazione Valentini è molto preoccupante. Vedremo, anzi sentiremo, domani cosa inventerà il sindaco per difendere il suo indifendibile atteggiamento.

  2. antonio ha detto:

    concordo con Tucci. sul santa mari asi sta “traccheggiando£ troppo. bisogna agire subito con idee e fatti concreti, pensare in grande soprattutto. l’altro giorno è stata inaugurata una mostra. per carità interessante, ma troppo poco per attirare la gente, troppo specialistica. siena (e il santa maria) hanno bisogno di altro. spero che il futuro del santa maria, concludo, non si ala solita distribuzione di poltrone (in questo caso poltroncine…) e basta.. Visto che si critica tanto Opera Laboratori, guardiamo se noi senesi siamo in grado di fare qualcosa. io sono pessimista.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...