Perder tempo

Ho dedicato una piccola parte del post di ieri a questo argomento che spero oggi di riuscire ad ampliare, sebbene continui, come altri, ad essere tortuoso e, forse, a nascondere implicazioni che vanno al di là di quello che leggiamo o vediamo. Si torna a parlare del Santa Maria della Scala, proprio alla “viglia” dei convocati (per fine febbraio) “Stati generali della cultura”.  L’assessore Massimo Vedovelli ha virato: dalla, ormai appurata, “Fodnazione” si pensa al “Consorzio” per la gestione del Vecchio Spedale. Sulla questione della “forma” vi rimando al blog “La Martinella”, sottolineando anche le mie perplessità sulle differenze fra l’una e l’altra forma (https://lamartinelladisiena.wordpress.com/2015/01/27/fuochi-accesi-su-fondazione-e-consorzio-per-il-s-maria-della-scala/). C’è poi la questione politica. Non riesco sinceramente a capire perchè fare un deciso passo indietro rispetto al percorso, anche abbastanza periglioso, portato avanti prima dalla Commissione Cultura e poi dal Consiglio Comunale che, incredibilmente, riuscì anche a trovare una sintesi unanime sulla questione Santa Maria. Se il gruppo del Pd ha riacceso la miccia, non “silenziando” le dichiarazioni dell’assessore Vedovelli, l’opposizione – al di là dell’immancabile comunicato della Lega Nord, che però non ha rappresentanza in consiglio comunale – si è fatta sotto. Ho letto l’intervento dei tre consiglieri Bianchini, Corsi e Giordano: peraltro il primo è vice presidente (da poco) della Commissione Cultura, ma, al di là dei contenuti dell’intervento, che possono essere del tutto legittimi (ci mancherebbe altro), non comprendo altrettanto perchè, anche dalla minoranza, si voglia tornare su un argomento che – almeno mi pareva – chiuso. Evidentemente il sottoscritto non ha le necessarie competenze per capirci qualcosa. Alla fine dei fatti resta però un fatto (ripetizione voluta): si rischia un chiacchiericcio che riapre una questione, per l’appunto, già chiusa (pur con le opinioni diverse in giro per il web e per la città) e a cui si doveva (deve?) finalmente dare gambe. A farne le spese sarebbe infatti la “programmazione” legata al Santa Maria della Scala. E quindi il suo “rilancio”. E quindi la definizione, finalmente, di un progetto serio, che stia in piedi. E quindi il lavoro, soprattutto per i giovani. Cosa di cui, ahimè, tutti – da destra a sinistra, passando per il centro – si riempiono la bocca. A parole.

Ps: Per i soloni del web: http://www.toscana-notizie.it/-/ricerca-di-co2-a-certaldo-il-no-della-giunta-regionale. Così, semplicemente.

Ps due: Mps, Profumo: “Senza la coppia Profumo-Viola Mps non ci sarebbe più”. Letto sul “Corriere di Siena” e qui (http://www.sienatv.it/web/notizie/1-cronaca/10943-2015-01-27-17-40-28.html?utm_source=twitterfeed&utm_medium=twitter). Edulcorandosi da simpatie/antipatie e da colorazioni politiche, ai posteri l’ardua sentenza.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Perder tempo

  1. Enrico Tucci ha detto:

    Per il Santa Maria della Scala la forma giuridica è sicuramente importante, ma deve evidentemente essere funzionale alle risposte che si vuol dare alle due domande ineludibili: cosa si vuol fare del Santa Maria e, brutalmente, chi paga? Una volta sciolti questi nodi il resto viene da sé. Il Laboratorio Civico ha invitato l’Amministrazione a scegliere e procedere poi rapidamente nella direzione prescelta, senza tergiversare perché, al di là della mozione approvata a luglio, che dava sei mesi per approvare il nuovo statuto e completare i relativi adempimenti, non è pensabile proseguire in questa situazione di incertezza ed improvvisazione per quello che forse è il principale patrimonio (almeno potenziale) della Città. Se deve essere Consorzio sia Consorzio, ma costituiamolo e mettiamolo a lavorare! Onestà intellettuale imporrebbe di rivalutare la proposta a suo tempo presentata dall’opposizione in commissione e consiglio, tesa proprio ad evitare il rimpallo tra Amministrazione e gruppo Pd, affidando invece le scelte operative ad un gruppo di esperti di grande caratura. Ora è il tempo (scaduto) che ognuno si prenda le sue responsabilità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...