Divisioni

In vista delle elezioni regionali si rompe il fronte del (teorico) centrosinistra, visto che Sel non sottoscrive il programma di Enrico Rossi. O, semplicemente, non si allea con il Partito Democratico. Dopo la fuoriuscita di diversi rappresentanti, anche a livello locale, verso la formazione “Oltre”, di fatto gran parte della quale confluita nello stesso Pd, potrebbe anche essere un’operazione interessante per capire, a sinistra, quanta forza possa ancora avere il partito di Vendola. Esperimento anche in vista del nazionale. Di certo Sel potrebbe provare ad intercettare l’elettorato a sinistra del Pd o della sinistra del Pd che fa riferimento all’area civatiana. Difficile, se non impossibile, ma fattibile: servirebbe una campagna elettorale molto spinta. Restando alle regionali, anche questa rottura ha riflessi negli altri schieramenti, come è normale quando la corsa pare avere un favorito d’obbligo (Rossi), il cui problema sembra essere al momento solo l’affluenza alle urne. Prosegue infatti la diatriba nel centrodestra fra Forza Italia e Lega Nord, come dicono anche i rappresentanti senesi su Facebook. Scrive Pietro Staderini, rappresentante provinciale di Forza Italia: “La Lega con la sua corsa solitaria continua a favorire la vittoria della sinistra in Toscana. La corsa solitaria della Lega porterà solo qualche scranno al Carroccio ma nn certo un governo di centro destra. Speriamo che Birghin lo capisca e metta in un cassetto i veti e i paletti che fanno della Lega un alleato perdente”. Scrive Francesco Giusti: “In questo quadro, Forza Italia di Verdini si conferma ancora una volta stampella del Pd, preferendo continuare ad andare avanti con la candidatura di Lamioni e stringendo balorde alleanze con l’NCD, anziché convergere sui punti programmatici della Lega e sul candidato leghista Borghi per puntare al ballottaggio”. Divisa Sparta, diviso Atene.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Divisioni

  1. …e chi è Birghin?
    No, non si agiti Staderini: non decide lui (nominato, non eletto, a livello provinciale) ciò che è opportuno a livello nazionale. Eppure il 2011 non è lontano… ecco, il contrario. Ricordate?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...