Stati generali

Dopo qualche titubanza e rinvio, giovedì è il giorno degli “Stati generali della cultura senese”. Programma e info sono scaricabili dal sito del Comune (per esempio http://www.comune.siena.it/La-Citta/Per-saperne-di-piu/Stati-Generali-della-Cultura). Alcune considerazioni. Per prima cosa non mi lego alla pletora di coloro che, a vario titolo, si permettono di sproloquiare di “cultura” a tutto tondo, pur non avendo la minima competenza, non dico in termini di titoli di studio, ma anche di progettazione concreta di eventi culturali di ampio respiro e pensano comunque di avere la verità in tasca, sfornando, naturalmente sui social network, ricette su ricette. Per fare una programmazione seria, concreta e fattibile serve una qualità fondamentale: la competenza. Non tutti ce la possono avere, soprattutto su questi argomenti. Come prima, più di prima. Seconda considerazione. L’evento non ha avuto grandissima pubblicizzazione, anche se ieri, in conferenza stampa, l’assessore alla cultura Massimo Vedovelli ha parlato di  “una delle tappe del percorso iniziato fin dall’inizio del mandato amministrativo e dal cui risultato prendere riferimenti per le decisioni di politica culturale per i prossimi dieci anni”. Dieci anni sono tantissimi, forse si poteva fare di più per allargare la partecipazione e per pubblicizzare un evento che, nelle intenzioni, dovrebbe avere una portata così ampia. Il sindaco Bruno Valentini ha parlato di “quattrocentomila presenze annue” come prossima sfida per la città. La mia speranza è che comunque tutti, associazioni comprese (a Siena ce ne sono tante) diano il loro contributo. Magari l’organizzazione poteva essere migliore, ma i mugugni servono a poco. Serve dare un contributo reale. Mi piacerebbe soprattutto che partecipassero le giovani generazioni, escluse in moltissimi casi fin qui dal concetto di “cultura”. Mi immagino già qualche affermazione negativa sul perchè e sul come o dove, ma a me piacerebbe che, da parte di tutti e di ogni colore, ci fosse uno sforzo per una costruzione, più che una critica distruttiva. Succederà? Ovviamente no. Meglio non partecipare e poi sparacchiare su Facebook, come al solito. Oppure meglio non partecipare per non essere coinvolti. Possiamo, per una volta, provare a cambiare mentalità? Almeno, tentiamo, solo per il fatto di cambiare.

Ps uno: stasera puntata stimolante de “Il Bianco e il Nero”. Ci sarà l’assessore alla sanità e alle politiche sociali Anna Ferretti. Appuntamento alle ore 21 su Siena Tv (ddt 682-669 http://www.sienatv.it).

Ps due: ci ha lasciato Agostino D’Ercole. Un uomo che ha dedicato gran parte della sua vita al volontariato, un grande uomo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...