Al di là del proprio naso

Sessantamila visitatori in tre giorni. Sei per diecimila. Più degli abitanti di Siena. Potrebbe bastare questo dato, pubblicato stamani sulla stampa locale, per decretare il successo di “Toscana Terra del Buon Vivere”, la kermesse organizzata dalla Regione per l’anteprima di Expo 2015. Come ho già scritto, altre città avrebbero fatto carte false per ospitare questa tre giorni. A Siena no (come diceva Antonio Conte). O, meglio, c’è sempre qualcuno che dice che non va bene, che ci vuole ben altro, che ci vede un complotto più o meno politico, oppure che sposta l’argomentazione su Pd, Mps, disastri, eccetera. Sicuramente qualcosa non ha funzionato o poteva funzionare meglio, sicuramente qualche disagio per alcuni c’è stato. Cerchiamo però di vedere (ogni tanto) al di là del proprio naso. Basta poco, anche in coloro che presumono di fare il vero giornalismo d’inchiesta: basta fare un giro fra gli esercenti della zona piazza del Campo e dintorni e avere qualche risposta sulle presenze in questi tre giorni. Io credo anche che si debba per un momento fermarsi e guardare le cose con maggiore equilibrio, magari facendo un paio di passi indietro e analizzare “da lontano” la situazione. La manifestazione ha reso la città viva, ha creato attenzione anche mediatica, ha fatto muovere e smuovere. Non è la panacea di tutti i mali, ma serve. Infine, a chi non ha perso tempo a “contestare”, mi viene da dire, con il sorriso sulle labbra: ultramarathon no, strade bianche no, gran fondo no, Capodanno (senese e non) no, mercatini in piazza Matteotti no, bike sharing no, Cioccolato in piazza no, Toscana del Buon Vivere no, Sport Siena week no, febbraio al museo no, Stati generali della cultura no. Proposte concrete? Alternative? Qualcosa per cui dire si? No.

Ps uno: “interessante” la situazione che si è delineata nel Pd in vista delle candidature per il consiglio regionale. Da approfondire. Per ora mi viene una battuta. In una serata fra quattro amici, riuscimmo a spostarci con cinque macchine. Un po’ come queste candidature, insomma.

Ps due: fra tante non proposte, il consigliere Enrico Tucci ne ha fatta una per il Santa Maria della Scala (http://www.i-siena.it/2015/03/santa-maria-scala-la-proposta-di-enrico-tucci/). Altro argomento da approfondire, sperando in un dibattito serio.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...