Comunicare e farlo bene (e tre ps importanti)

Post che va oltre Porta Camollia, ma che tratta di un argomento applicabile dovunque: l’importanza di comunicare e di farlo bene, per tempo e con efficacia, soprattutto quando si è un’amministrazione, che programma (o dovrebbe farlo) interventi con un certo anticipo. Il Comune di Colle val d’Elsa ha deciso di chiudere per un mese, dal 15 giugno al 15 luglio, il ponte San Marziale, quello, per capirsi, in zona Gracciano: interventi necessari, lavori che saranno effettuati – per chiarezza – con i fondi ottenuti dalla precedente amministrazione (quella a cui sono stati imputati i disastri…anche in campagna elettorale), cantiere atteso da diverso tempo. Quindi niente da eccepire sulla sistemazione della struttura. Il problema è semmai di comunicazione. Semplicemente assente. In sostanza si è chiuso il ponte da un giorno all’altro. L’amministrazione non ha fatto comunicazioni “ufficiali” neppure a inizio giugno durante la riunione della commissione urbanistica, quando si è parlato di tutt’altro (eppure l’argomento era quantomeno spinoso) o durante l’ultimo consiglio comunale, tanto meno si è pensato a percorsi partecipati, tipo incontri o assemblee cittadine. I problemi sono facilmente capibili. Da quelli dei commercianti (http://www.valdelsa.net/det-cy30-it-EUR-64275-.htm) che si ritrovano all’improvviso una strada così importante chiusa per un mese, senza preavviso; a quelli dei cittadini e residenti. Non c’è stato tempo di pensare a come poter ovviare ad una situazione quantomeno complicata. A questi aspetti aggiungo problemi di traffico: ci sono i pendolari, chi si sposta per raggiungere il supermercato o il distretto socio-sanitario. Questioni ovviamente che, vista la necessità di aprire il cantiere, non potevano essere evitate, ma annunciate certamente si. Almeno per provare a diminuire il più possibile i (necessari) disagi. Stasera a Colle c’è la Notte Bianca; il 1 luglio è San Marziale; per i festeggiamenti, di solito, chiuso il centro si faceva passare il traffico dal ponte. Saranno stati pensati percorsi alternativi. Infine c’è da mettere in conto i lavori al ponte di Spugna, che potrebbero complicare le cose ulteriormente. Forse sarebbe stato meglio qualche comunicazione. Fare va bene, ma anche dire non guasta per niente.

Ps uno: ieri dibattito della Fondazione Mps sul futuro dell’ente. Apprezzabile l’idea, da riproporre assolutamente, apprezzabile la filosofia di “condivisione” e apertura. I contenuti del dibattito, sinceramente, un po’ meno apprezzabili. Solita “fuffa” da parte di tanti intervenuti e solite, stantie, parole. Da notare inoltre che almeno tre/quattro interventi sono arrivati da chi la storia della Fondazione e del Mps l’ha vissuta da molto molto molto vicino, visto che ha occupato poltrone, poltroncine e poltronette per decenni, guadagnando anche bei soldini. Che adesso continuino a propinarci la verità assoluta, sinceramente, mi pare quantomeno inopportuno.

Ps due: in riferimento anche al post di ieri, si sta sviluppando un buon dibattito sul costo dei palchi, anche grazie allo spazio dedicato a questo argomento, in questi giorni, dal “Corriere di Siena”. Credo che un confronto schietto, trasparente e senza pregiudizi per capire come calmierare la situazione si possa/debba fare: palcaioli, contradaioli, Comune. Sarebbe semmai fondamentale che si faccia senza le stantie parole di cui sopra, senza cioè pregiudizi o strumentalizzazioni politiche, da parte di nessuno, di qualsiasi colore. Forse ce la possiamo fare a fare un discorso “normale”, magari anche aspro fra le parti, ma senza riferimenti a questo o a quel sistema. Sarebbe utile.

Ps tre: leggendo qua e là sul web, a proposito di “complottismo” esasperato, non credevo che anche per aver contratto un virus in un Pc si potesse accusare il famigerato “sistema Siena” con la solita tecnica fra mezze ironie e mezze insinuazioni. Anche basta. Esiste un mondo normale, se non ve ne siete accorti.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Comunicare e farlo bene (e tre ps importanti)

  1. Pingback: PERCHE’ POCHE PERSONE ALLA CONSULTAZIONE DI FMPS? | La Martinella di Siena

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...