Pioggia e riforma (e un ps)

E’ bastato un acquazzone, forse qualcosa di più (non ho i dati ufficiali) fra ieri notte e questa mattina e in Valdarbia (ma non solo) è di nuovo caos ed è di nuovo emergenza. Purtroppo non è la prima volta che quella zona subisce esondazioni, danni, allagamenti e rotture di argini, con conseguenti rotture di ponti e…. di parti basse dei cittadini. Tutte le volte che una “calamità” naturale colpisce questa o quella zona riemerge la necessità di prevenire, visto che curare è più costoso e più complicato (vedasi i lavori per i ripristino di strade e ponti, anche nel sud della nostra provincia). C’è un piccolissimo problema, però, da qualche tempo a questa parte: l’ente che fino a qualche anno fa, in qualche modo (qualche volta bene – visto che gli acquazzoni del passato non hanno mai causato questi danni – qualche volta male – ricordo l’esodanzione del Foenna) gestiva manutenzione di strade, ponti e territorio, cioè la Provincia, praticamente non c’è più. “Merito” di una riforma, firmata Matteo Renzi, che non solo di fatto ha svuotato un’amministrazione senza abolirla, ma, al momento, non ha in effetti ancora ridistribuito deleghe e, soprattutto, fondi statali, quelli che servono per tale prevenzione. Eppure in tanti, troppi, all’epoca erano pronti ad applaudire la “riformona” di turno, sbandierando il “risparmio” per gli stipendi di qualche assessore e i gettoni di presenza di qualche consigliere. Si è guardato allo slogan, insomma, senza guardare ai problemi dei cittadini. Al grido di “tagliamo la politica”. E i risultati si cominciano a vedere. Comuni senza soldi e con poco potere, Regioni troppo distanti dai problemi. Ancora complimenti per un riforma che non tutti hanno contestato quando si doveva, era scomodo farlo, ci voleva un ragionamento troppo profondo.

Ps: secondo quanto pubblicato in esclusiva da Sunto.biz (http://www.sunto.biz/2015/08/23/la_corte_dei_conti_boccia_ancora.htm) i conti del Comune non sono ancora apposto, vista la bocciatura della Corte dei Conti. Ciò pare in contrasto con quanto affermato dal sindaco Bruno Valentini ( http://www.valdelsa.net/det-cy32-it-EUR-64832-.htm). Corte dei Conti da una parte, analisi del Mef dall’altra: basta leggere con attenzione entrambe i resoconti  ed i documenti ufficiali per capire meglio. Vedremo le analisi dei prossimi giorni, magari sarebbe interessante esimersi da giudizi fatti di tanti slogan e di pochi concetti. Si rischiano figurette in stile campagna elettorale 2013, quando da destra a sinistra, come detto altre volte (https://eliofanali.wordpress.com/2015/07/08/zavorra-bilancio-e-spinta/), si inneggiava al commissario, al fallimento, alla panacea di tutti i mali.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Pioggia e riforma (e un ps)

  1. Pingback: ZOT SU OPA E CIVITA | La Martinella di Siena

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...