Mezzo silenzio e due ps

Continua il “mezzo silenzio” sulla notizia secondo cui il Monte dei paschi starebbe per rinunciare all’aggregazione-fusione con un altro istituto di credito, come ipotizzato nel recente passato. Solo il “Corriere di Siena”, a livello locale, ne ha parlato in almeno tre occasioni. Poi silenzio, da parte di quasi tutti: forze politiche, commentatori, economisti della prima e della seconda ora, analisti più o meno improvvisati. Che, invece, in passato, ci hanno ammorbato con le loro valutazioni su Rocca Salimbeni, profetizzando di tutto e di più. Capisco che sia estate e si abbia poca voglia di scrivere, parlare, interrogarsi. Capisco che si debba sempre e comunque parlare di Mps, anche quando il titolo va su o giù in borsa, connotando le dichiarazioni dal punto di vista politico, magari contro questo o quello. Capisco perfino e bene che il legame Mps-Siena sia ormai molto sottile (sottilissimo). Ma qualche dichiarazione, comunicato, scritto, intervista, me lo sarei aspettato. Ad esempio sul fatto (non c’è bisogno di essere economisti) che l’ormai flebile, infimo, forse addirittura già assente, filo che annoda Rocca alla Torre del Mangia, abbia l’unica possibilità di non spezzarsi proprio senza aggregazione, perchè in questo modo, almeno dal punto di vista teorico, la direzione generale qua potrebbe rimanere. Gli ultimi dati positivi e un’eventuale mancata fusione pare che “purghino” diverse persone in città. E’ strano, sinceramente: sa molto di Tafazzi. Per me tutto questo non è sufficiente per assolvere chi ha compiuto i disastri del passato, pagati a caro prezzo da Siena, lavoratori e indotto; ma perchè tanto silenzio? E perchè, al di là delle dichiarazioni di facciata, non sperare davvero che il Monte si riprenda? Un conto i “processi” sul passato, che lasciamo fare a chi di dovere o questo o quel politico; un conto il futuro di azienda, lavoratori, famiglie, indotto. Ma, in fondo, questo post non vuole fare valutazioni sul presente o sul futuro: solo sottolineare questo assordante mezzo silenzio, rispetto ai tanti rumori del recentissimo passato.

Ps uno: Sergio Profeti (anche se in questo modo gli faccio solo pubblicità) ha scritto ieri sul suo notissimo sito, per il quale ha ricevuto più premi Pulitzer e sfiorato il Mangia d’Oro, che il sottoscritto avrebbe “di Palio (e di Siena) un livello massimo di conoscenze pari allo 0,008”. Oggi sono diventato un “massoncino di turno” che formula domande da “sub-asilo nido”. Sinceramente, visto da quale pulpito viene la predica, visto che rifuggo da sempre le etichette-patacche di chi assegna la “senesità” in base a non-si-sa-cosa e visto che deve essere particolarmente brutto svegliarsi tutti i giorni essendo costretti a dare la caccia ad un avversario, vado fiero di cotanta considerazione. Consiglierei camomilla e lunghe passeggiate rilassanti, per l’appunto, nelle campagne senesi. Così, semplicemente.

Ps due: riferito anche al ps uno, interessantissimo questo articolo: http://www.ilpost.it/massimomantellini/2015/08/26/il-giornalismo-degli-squali/

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Mezzo silenzio e due ps

  1. Ferdinando ha detto:

    Ricorso solo un articolo a livello locale dove si ipotizzava di “dover” andar da soli per BMPS. Gli altri onestamente mi sfuggono…Un accenno (link) sarebbe gradito.

  2. Ferdinando ha detto:

    Ricorso=Ricordo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...