Rimpasto e competenza (e quattro ps)

Il blog “La Martinella”riporta un’indiscrezione (https://lamartinelladisiena.wordpress.com/2015/09/21/e-se-lassessore-alla-cultura-andasse-in-canada/) secondo cui l’assessore Vedovelli potrebbe lasciare il suo incarico in Comune. Ciò potrebbe spalancare le porte a quel “rimpasto” di giunta chiesto, più o meno velatamente, da più parti all’interno del Partito Democratico e della maggioranza. Con istanze diverse e partendo da posizioni diverse, sicuramente pure con traguardi (leggi: nomi) diversi. Dalla parte della maggioranza dei Dem di Siena, che fa riferimento al segretario Masi per capirsi, partendo dai contenuti della conferenza programmatica appena conclusa. Da parte del consigliere regionale Stefano Scaramelli per esprimere un esponente comunque legato alle quindicimila preferenze raccolte nell’ultima campagna elettorale. Ed in questo contesto c’è l’incognita dell’associazione “Confronti” e quindi della corrente di Alberto Monaci che rimane nel Pd, ma esprime due consiglieri (Trapassi e Sabatini) fuori dal Pd, eletti con Siena Cambia e in procinto di formare un nuovo gruppo consiliare (“Amo Siena”), con ogni probabilità fuori dalla maggioranza. Io credo che, al di là delle correnti, delle esigenze, delle istanze, della politica, se davvero ci dovesse essere un “rimpasto” la cosa più importante di cui tenere conto debba essere una: la competenza. Quella caratteristica, cioè, che dovrebbe (teoricamente) mettere d’accordo tutti. Nel frattempo, tanto per aggiungere ulteriore sale alla ricetta, lunedì dovrebbe essere convocata la direzione provinciale del Partito Democratico, quella che potrebbe sancire il “cambio” chiesto da più parti all’interno dei Dem. Con parole dure da Stefano Scaramelli, con dichiarazioni più soft da altri componenti “autorevoli” del Pd. Si potrebbe andare verso un segretario “di garanzia” fino al congresso (2017)? Vedremo.

Ps uno: il collega Andrea Bianchi sul “Corriere di Siena” ci informa che non ci sarà il fallimento dell’ac Siena, raggiunto il concordato con i creditori nonostante il parere contrario dell’Agenzia delle Entrate (si vota a maggioranza). Posso capire il voto dei creditori minori, già costretti ad accontentarsi di una cifra irrisoria: in caso di fallimento l’iter sarebbe ancora lunghissimo (questione di anni), la cifra corrisposta probabilmente anche minore, visto che di beni “spendibili” l’ac Siena ne ha pochi (quasi nessuno). L’Agenzia delle Entrate, in questo contesto, non ha invece alcun problema. Chiosa anche sull’esborso di Mezzaroma: sarebbe di diciotto milioni di euro, secondo quanto riportato dal “Corriere”. Fa rabbia pensare che il Siena non si sia iscritto alla serie B nell’estate 2014 per una cifra minore, ma il problema è che ai soldi per l’iscrizione si sarebbero dovuti aggiungere quelli della gestione corrente, senza contare i debiti.

Ps due: è arrivato il primo laureato del Siena Jazz (http://corrieredisiena.corr.it/news/home/196768/Tobia-Bondesan–primo-laureato-della.html). Un’eccellenza assoluta e di livello mondiale che porta indotto, non certo, come ebbe a dire qualcuno, “due batteristi che pestano su uno strumento”.

Ps tre: leggo sul blog del “Santo” (http://ilsantodisiena.com/) che a qualcuno non piace che il suddetto pubblichi link o articoli firmati dal sottoscritto. Con il “Santo” ci siamo trovati, ci troviamo e ci troveremo in disaccordo su alcune cose, in accordo (più di quanto qualcuno pensi) su altre. Ma non è questo il punto: il punto è che chi predica libertà di pensiero dovrebbe poi applicare tale libertà anche nella pratica. E “libertà di pensiero” va in ogni senso, non in un solo uno: non significa leggere solo quello che si vuole leggere, a seconda delle proprie convinzioni. Ecco liberamente, visto che il blog è suo, il “Santo” ha la capacità di passare dalla teoria alla pratica.

Ps quattro: stamani in regione presentazione del progetto “Safety Dancing”, la cardioprotezione anche in discoteca, dopo il progetto presentato nei giorni scorsi su “Siena cardioprotetta”. Partirà da Monteroni d’Arbia e sarà modello per tutta la Toscana.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Rimpasto e competenza (e quattro ps)

  1. Pingback: Rassegna Stampa – Ma quante agenzie di comunicazione pagano i cittadini senesi? Tononi: “Aggregazione inevitabile” Don Brunetto ha ripadellato!!! | IL SANTO NOTIZIE DI SIENA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...