Recupero (e due ps)

Sono entrato ieri per la prima volta all’interno della casa circondariale di Santo Spirito a Siena: c’è stata l’inaugurazione del nuovo campo di calcetto all’interno del carcere. La sensazione quando si varca quella soglia blindata è del tutto particolare, l’aria sembra rarefatta e al silenzio iniziale, nel cortiletto interno, un silenzio irreale e improvviso, si susseguono rumori altrettanto particolari: gesti quotidiani e semplici, una stoviglia che cade, un letto che si muove, un passo lento e stanco; ma tutti ovattati, lontani, anche se induriti dalle spesse mura che, in ogni caso, separano l’avventore occasionale da chi quei locali è costretto a frequentarli per forza (e per qualche tempo). E’ un posto scialbo, squallido, ma non è tanto la fatiscenza delle inferriate o delle strutture a colpirti: ma la costrizione, fisica e soprattutto psicologica. La sala che serve da cinema-teatro, molto angusta, raccoglie comunque un po’ di umanità. Così come il nuovo campo realizzato in gomma con pneumatici riciclati. Una bella iniziativa di Uisp, Ecopneus (azienda senza scopi di lucro che si occupa del riciclo di pneumatici) e istituzioni e che ha valore sociale ed ambientale. Ho visto le foto del piazzale precedenti all’intervento e lo squallore era sinceramente insopportabile. Impossibile pensare il minimo recupero e reintegro dei detenuti nella società con uno spazio del genere, quindi ben vengano iniziative del genere che non hanno costi per la comunità, ma solo benefici: perchè un ex detenuto recuperato si trasforma da costo a risorsa. Riflettiamoci.

Ps uno: Mps ha trovato l’accordo con Nomura (http://www.repubblica.it/economia/finanza/2015/09/24/news/mps_in_rialzo_in_borsa_festeggia_l_accordo_con_nomura_sui_derivati_alexandria-123559665/): sborsa 359  milioni di euro, ne risparmia 440. Ma al di là di questo si toglie un “bubbone” non indifferente. Due considerazioni: viene chiusa la questione economica-finanziaria ed è un bene per la banca, ma questo non significa che i processi siano archiviati; la borsa apprezza e, nonostante chi si spertichi e “goda” se il titolo va male (mera speculazione politica) è un altro bene: non per la politica, ma per i lavoratori, il territorio, l’indotto. Eviterei di tagliarsi i così detti per far dispetto alla moglie, insomma.

Ps due: ieri alla Libreria Mondadori bella iniziativa “Lo sport è un sogno da raccontare” con Riccardo Lorenzetti, autore dello splendido volume “La libertà è un colpo di tacco”, il presidente della Mens Sana Lorenzo Marruganti, il presidente della Emma Villas Gianmarco Bisogno e il difensore della Robur Dario D’Ambrosio. Moderatore il sottoscritto. Sport, sogno, rilancio, attualità: di tutto un po’. Da ripetere.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...