Vannozzi assessore (e un ps)

Come scrive il sito di Radio Siena Tv (Vannozzi ) c’è il nuovo assessore alla cultura: è Francesca Vannozzi. Niente Lucia Cresti (sostenitrice in campagna elettorale dell’associazione 53100 ed ex assessore nella giunta Ceccuzzi), niente Rita Petti (presidente della commissione cultura e, secondo alcuni, riferimento dell’area – o ex area? – ceccuzziana); neanche nessun uomo fra i nomi di quelli circolati in questi giorni (Pizzichini, Milani ecc.), ma per questa seconda ipotesi c’era un “problemino” di legge, come qualcuno non sapeva. “Nelle giunte e nei Comuni con popolazione superiore ai 3.000 abitanti nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura inferiore al 40%”. A dirlo è la cosiddetta legge Delrio di aprile 2014 (la numero 56) che porta all’attenzione del comune di Siena una scelta di fatto obbligata. A sostituire il dimissionario assessore alla cultura Massimo Vedovelli doveva essere, dunque, per legge un assessore donna. Valentini nominerà dunque la docente di storia della medicina dell’Università di Siena, curatrice di diverse mostre e autrice di diverse pubblicazioni. Vannozzi era stata anche proposta come sindaco nella turbolenta campagna elettorale del 2013 dal movimento “Se non ora quando” all’interno del centrosinistra, candidatura poi a dir la verità caduta in poco tempo. Detto tutto questo adesso bisognerà capire quale impulso potrà dare Vannozzi alle attività culturali della città e soprattutto come potrà farlo in un tempo relativamente breve, da qui alla fine del mandato. Come ha scritto “La Martinella”, però, la capacità di incidere di un assessore bravo si vede anche in poco tempo. E in mezzo a mille difficoltà, aggiungiamo noi. Di certo la situazione non è delle più semplici, Vannozzi raccoglie un’eredità complicata e un percorso – nel bene e nel male – già avviato, ovvero quello del Santa Maria della Scala, con il nuovo direttore e i “paletti” fissati dagli ultimi passi della stessa amministrazione. Non sarà semplice, dunque.

Ps (corposo): E’ pronto il nuovo regolamento per i locali pubblici del centro storico, quello che sta suscitando “dibattito” (lo metto fra virgolette non a caso, basta vedere il post di ieri) in città. Lo ha annunciato il vicesindaco Fulvio Mancuso dalle colonne de “La Nazione”. Sarà interessante capire l’equilibrio che l’amministrazione sarà trovare fra le varie esigenze del centro storico, di cui abbiamo parlato ampiamente a più riprese anche su questo blog. Nel frattempoho letto qua e là che qualcuno insiste nel voler tranciare slogan senza sapere (o poco sapendo) sull’argomento locali notturni. Ad esempio “basta insonorizzare e poi si fa musica quanto si vuole”. Si ha la minima idea di quanto possa costare un impianto del genere a norma? Ed ancora, come si fa a non capire che il problema non è (o non solo) dentro al locale, ma pure fuori?

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Vannozzi assessore (e un ps)

  1. Pingback: Editorile de Il Santo con Rassegna Stampa – Amara sorpresa per la famiglia Rossi… Il decennale dell’incendio in Curia… | IL SANTO NOTIZIE DI SIENA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...