Censis (e tre ps)

E dunque, a dispetto di alcuni, l’Università di Siena si conferma fra le migliori d’Italia. Lo dice, per un’altra volta, l’indagine Censis per La Repubblica (Censis). Non sono un patito di questa come di altre classifiche, credo che si debba dare il giusto peso ai numeri, ma va fatto in ogni senso, senza tirare a se questa o quella statistica a seconda della convenienza “politica”. Vale per questa classifica e per altre: se non si dovrebbe esultare per un dato positivo, non si dovrebbe esplodere la critica per quello negativo. Perchè altrimenti si fa un po’ come con la magistratura, cattiva o buona a seconda di chi indaga, condanna, perquisisce. Senz’altro il dato dà (perlomeno) un segnale positivo, senza fare fuochi d’artificio. Per quanto mi riguarda credo che l’ateneo debba essere traino per un rinnovato sviluppo di tutta la città, su tanti fronti, come ho detto a “Siena Diretta Sera” su Siena Tv durante la trasmissione con i tre candidati a rettore: ricerca, indotto e quindi lavoro, attrattività e quindi turismo (o un particolare tipo di turismo). I numeri devono essere una spinta e non un traguardo, anche per l’ateneo.

Ps uno: dibattito intenso ed anche aspro, ma senz’altro utile quello di ieri sera nel Leocorno, organizzato dalla stessa contrada per le problematiche nel centro storico. Lo potrete rivedere questa sera su Siena Tv ore 21,15 (Radio Siena Tv).

Ps due: sull’immondizia accumulata ieri a Siena invito a leggere la riflessione del blog “La Martinella” (Martinella). Di certo prima di sparare a zero, bisogna rifletterci un po’ su, come sempre. E di certo la giornata di ieri ci ha fatto capire quanto certi servizi siano utili, che non significa che non siano da migliorare, s’intende.

Ps tre: come al solito lucida e puntuale l’analissi di Giuseppe Nigro sulle questioni mensanine (Palla al cerchio).

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Censis (e tre ps)

  1. CARLO COCCHIA ha detto:

    A proposito del tuo ultimo P.S., mi premerebbe accadesse, come ribadito nell’Assemblea dei Soci della Polisportiva, che, finalmente !, smettesse di passare il messaggio della Polisportiva nemica del Basket. I 160.000 euro che scaturiscono dall’approvazione dell’accordo votato ieri sera e che per la Polisportiva comporta la non indifferente, temporanea,rinuncia ai suoi diritti su una parte di proprietà immobiliari, sono già stati tutti interamente utilizzati per permettere la regolare conclusione della stagione di Basket; e soltanto uno dei molteplici, pesantissimi sforzi fatti per affrontare una situazione che, ad un certo momento, appariva davvero senza uscita.
    Questo è qualcosa di affermativo ed inconfutabile.
    Che poi, invece, per il futuro, su cosa debba essere maggiormente focalizzata l’attenzione e la precedenza tra le attività sociali, ricreative, ludiche, aggreganti che fanno capo a centinaia di atleti di ogni età, a praticanti di oltre 20 discipline diverse ed a quasi 3.000 soci, rispetto a quelle di una decina di professionisti che giocano con lo stemma Mens Sana sulla maglia fin tanto non trovano ingaggio migliore presso una nostra diretta concorrente, ognuno avrà la propria opinione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...