Voti e due ps

Giornata di analisi e valutazioni post elettorali. Come al solito, hanno vinto tutti o comunque non ha perso (quasi) nessuno. Prima questione: l’affluenza. Ponte o non ponte, si continua a votare con percentuali alle quale non eravamo abituati, sebbene siano state definite già in “linea con l’Europa”. Di fatto quattro italiani su dieci non vanno a votare, eppure si trattava di elezioni comunali quelle che – in teoria – appaiono più vicine e interessanti, oltre a creare tanto movimento attraverso le preferenze e i candidati al consiglio comunale che, al di là delle liste, battono lungamente il territorio. L’affluenza scarsa è senz’altro un dato su cui riflettere. Il secondo dato è che il Partito Democratico, partito di governo, non ottiene dati esaltanti, a tutti i livelli. Non sfonda a Torino, si arrabatta a Milano, deve accontentarsi di un ballottaggio in cui è sfavoritissimo a Roma, fuori dai giochi a Napoli (ma si sapeva). In Toscana il dato è quasi clamoroso: in tutti i sei comuni toscani sopra 15.000 abitanti si va al ballottaggio. Di contro è pur vero in nessun comune il Movimento Cinque Stelle – vero antagonista a livello nazionale del Pd – al ballottaggio. In provincia di Siena plebiscito (anche sopra alle aspettative) di Bettollini a Chiusi, il sindaco uscente Machetti vince di cento voti a Trequanda contro l’ex sindaco Meiattini. Io direi che c’è materiale su cui riflettere, anche in vista dei ballottaggi, prima di gettarsi “anema e ‘core” sul referendum di ottobre. Il cui dibattito, peraltro, ha già raggiunto livelli sublimi di assurdità.

Ps uno: oggi incontro Consorzio Basket e Sport a Siena e Polisportiva Mens Sana. Oggetto: utilizzo del Palaestra (anche per gli spazi pubblicitari) e settore giovanile. Due aspetti fondamentali per il futuro.

Ps due: sulla questione Robur è intervenuto il sindaco Bruno Valentini. “Sono trascorsi – in sintesi questo il pensiero del sindaco – quattro mesi ed ancora non c’è chiarezza su chi guidi la Robur e pertanto le scelte strategiche per consolidare società e progetti ritardano, mentre invece dovrebbero affrettarsi. L’Amministrazione Comunale, se richiesto, è disposta a dare una mano, senza parteggiare per nessuno se non per il futuro del calcio a Siena. Il tempo stringe e non possiamo accettare che invece di dare un assetto stabile alla Robur, si passi il tempo a scambiarsi accuse attraverso i media. La pazienza della città e dei tifosi è finita e non chiediamo che di guardare avanti”

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...