Non guasta (e quattro ps)

Forse, a volte, qualcosa funziona in campo comunicativo. Questa volta, giorno dello sciopero dei lavoratori di Sei Toscana, la città è apparsa meno “degradata” dell’ultimo incrocio delle braccia degli operatori del settore. Segno che i cittadini stavolta hanno capito  (o letto o ascoltato) e hanno fatto tesoro della esperienza negativa: sacchi in casa o all’interno del proprio esercizio commerciale. Ed anche meno – o forse è solo una mia impressione – “escandescenze” contro quello o l’altro sui social. Da una parte, infatti, queste esperienze dovrebbero far capire l’importanza di certi servizi; dall’altra provare anche a far capire che dietro un servizio c’è un’azienda, con i suoi problemi e soprattutto con i suoi lavoratori, molto spesso l’ultima ruota del carro e gli ultimi a dover essere “infamati”. Se, in ultima analisi, si riesce con questi scioperi a far riacquistare un minimo di senso civile, anche nella Siena “dove si fa come ci pare”, la cosa non guasta affatto. Magari gusterà meno a coloro che invece hanno sperato in una città coperta di rifiuti per fare un bel reportage fotografico. Ma questa è un’altra storia.

Ps uno: va avanti, lentamente, la ricerca della verità sul caso David Rossi (simulazione), mentre sui social circola un video difficile da digerire, ma che dà un contributo (Nypost).

Ps due: il “dibattito” su Pantaneto sta prendendo, come era prevedibile, una deriva negativa sui social. La speranza è che l’inizio di tale dibattito, improntato sulla costruzione e sul ritorno ad una città che sa riflettere, sia quello reale, rispetto alla realtà virtuale di Facebook. Che non significa non affrontare la questione, tutto l’opposto. Fra i tanti commenti poco stimolanti, mi permetto di copiare e incollare questo di Michele Vittori, in cui sono stati taggati Bruno Valentini, Fulvio Mancuso e Anna Ferretti come membri di giunta: “Magari ci avete già pensato e un progetto del genere è già in fase di progettazione se non di esecuzione, vorrei proporvi due parole chiave, SVILUPPO DI COMUNITÀ e INTERVENTO DI STRADA. Niente di astruso, intellettuale, teorico. Anzi. Molto concreto e operativo. Si tratta di concepire – velocemente – un progetto di prevenzione e intervento sul disagio basato sul lavoro di strada, attraverso operatori di strada qualificati. Progetto che vada a coinvolgere gestori dei locali, clienti, residenti delle zone interessate, forze dell’ordine e volendo anche la stampa. Progetto snello e velocemente operativo, basato sulla mediazione e sulla promozione del dialogo e del rispetto delle regole.  Prima che la situazione ci travolga e sia difficilmente gestibile, ponete attenzione a idee e buone pratiche né demagogiche né improvvisate.  Così non va, ma io non voglio nemmeno le ronde nella mia città”.

Ps tre: purtroppo per questioni di redazione non ci potrò essere, ma consiglio a tutti di presenziare alla presentazione del nuovo libro di Daniele Magrini domani all’Orto de’ Pecci a Siena, alle ore 18,30: Niccolò Tiberi, Rita Ceccarelli, Giulio Stracciati e Serena Sani saranno alle prese con “Sogni e delitti”.

Ps quattro: a volte è esilarante leggere alcuni commenti – sempre in materiale di social e dintorni – di coloro che si lamentano per i lavori di sistemazione delle strade, finalmente avviati, perchè “producono traffico”. Soprattutto se sono gli stessi che poco prima si lamentavano delle buche. In tutto questo ho la vaga impressione che i prossimi saranno mesi difficili per il già oberato traffico di Siena.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...