Quella manifestazione che non ci sarà

Fra le mie (poche) qualità c’è quella di provare ad essere tollerante verso chi non la pensa come me e anche quella di provare (quasi sempre) a confrontarmi. Il problema è che diventa difficile farlo con chi non ha il medesimo atteggiamento. Per cui questo sarà il primo e ultimo post su questo argomento. Perchè con certi tipi di persone, che si sono addirittura radunate in un partito, in un movimento, proprio non si riesce a dialogare. E, peraltro, numeri alla mano non mi appaiono neanche così “prorompenti” sulla scena politica o sull’opinione pubblica, per cui anche solo sfiorarli con un mezzo dibattito non fa che aumentarne in maniera esponenziale lo “share” (e questo è un consiglio anche verso coloro che continuano a commenatre sui social). In ogni caso, il Partito Animalista Europeo (addirittura sono diventati continentali), pare abbia fatto richiesta per manifestare a Siena il 16 agosto, addirittura in Piazza del Campo. “Viste le inesattezze riportate da una parte dei media senesi – dice il presidente Fuccelli – per cui il PAE non è in possesso dell’autorizzazione a manifestare il giorno del Palio dell’Assunta, confermiamo che la richiesta di manifestazione di protesta per il 16.08.2016 , a Siena  in Piazza del Campo  è stata accettata con protocollo n. 38497 del 24 giugno c.a. dagli uffici Digos della Polizia di Stato. Pertanto allo stato attuale l’evento è regolarmente autorizzato senza prescrizioni, semmai sarà il Sindaco Valentini che dovrà opporsi a tale disposizione. Ricordo comunque che lo scorso anno la manifestazione degli animalisti è stata pacifica nel pieno rispetto della legge mentre non si può dire lo stesso della contro manifestazione, fuorilegge perché non autorizzata,  con l’unico intento  provocatorio, intimidatorio ed offensivo  ad opera di un gruppo nutrito di senesi”. Le inesattezze sono più di tale presidente, non solo in queste dichiarazioni, ma tant’è. Per prima cosa forse bisognerebbe spiegare che infatti “protocollare” non significa “accettare” o dare autorizzazioni. Come riportato dal tg di Radio Siena Tv questa sera, infatti, risulta che la Questura non abbia ancora risposto a tale richiesta, sempre se vogliamo credere, s’intende, a quelle dichiarazioni. Per seconda cosa, ambienti vicini al sindaco di Siena Bruno Valentini ci informano che il sindaco è assolutamente contrario alla autorizzazione di tale manifestazione e che, di più, la contrasterà istituzionalmente nei luoghi preposti e sui tavoli adeguati. Si può obiettare che la concessione dello scorso anno abbia aperto una breccia. E che, comunque, Siena è in Italia e in Italia il diritto a manifestare è sancito costituzionalmente, quindi la città non può esimersi. Ma è altrettanto vero l’esatto contrario: che con la concessione dello scorso anno si sia aperta e subito chiusa la questione (della serie: ti sei diverito una volta, ora anche basta), ma che soprattuto le autorità (il Questore, per l’appunto) possono negare l’autorizzazione di qualsiasi manifestazione di cui hanno avuto preavviso per motivi di sicurezza pubblica, in sostanza per la tutela della collettività. E su una richiesta a Siena, il giorno del Palio, in Piazza del Campo non credo ci siano dubbi di sorta. In sostanza non ci allarmiamo: la manifestazione non ci sarà e sono pronto a scommettere che l’autorizzazione non verrà “protocollata”, per usare il linguaggio animalista. Per cui, per la prima e ultima volta, l’argomento è chiuso. Arrivederci.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...