L’estate sta finendo

L’estate senese è già finita (magari non dal punto di vista climatico) e ci affacciamo già verso quella che sarà una stagione pre-elettorale, sempre ammesso che la campagna si sia mai conclusa e sempre ammesso (viste le ultime esperienze) che non accada qualcosa nel mezzo. Fra un anno di questi tempi, infatti, sarà già tempo di candidature vere, probabili e possibili per il Comune di Siena. Le premesse, sinceramente, non sono delle migliori: il dibattito vero e approfondito langue, come le proposte per il futuro. Imperano invece (per ogni colore politico, s’intende) gli slogan sui social, le polemiche (spesso di respiro minimo), le indignazioni effimere per il niente, qualche esposto qua e là con finalità meramente politica e poco altro. Un guazzabuglio dove si dice niente e tutto. Con una generazione, la mia e dintorni, completamente assente (o quasi): un po’ perchè sinceramente indaffarata in cose più importanti (tipo: avere un lavoro stabile), un po’ perchè lontana da Siena. Ma soprattutto – mi immagino – perchè lontana da una politica che continua ad accapigliarsi sul niente, partendo quasi sempre da una stabilità sociale e lavorativa che neppure – spesso – possiamo pensare di sognare. L’estate sta finendo, un anno se ne va. Ahimè, credo che fra un anno ci ritroveremo ancora qua.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

4 risposte a L’estate sta finendo

  1. Pingback: Editoriale de Il Santo con Rassegna Stampa – La città “normale”… Mps e Università un gran casino!!! | IL SANTO NOTIZIE DI SIENA

  2. MARIO ASCHERI ha detto:

    Caro Alessandro, l’unica cosa che non puoi dire è che manchino le proposte! Ci facciamo un confronto alla Festa dell’Unità? Devo portare i cento post PROPOSITIVI?
    qui la gente che conta nelle decisioni formali fa finta di non leggere (avessi avuto un grazie ad es. dalla Fondazione per la mia lettera propositiva e con proposte di MERITO!) se le proposte non sono CARE E NON VENGONO dalla parte giusta, credimi…

    • eliofanali ha detto:

      Caro prof, perche’ no? Dibattere e approfondire sono verbi che continuano ad non essere utilizzati in questa città. Mi dispiace, ma un post su Facebook ancora, secondo me, non ha i crismi di “proposta” vera e propria. Ma ben vengano dette proposte e ben vengano i dibattiti. Sulla Festa dell’Unità, tuttavia, non deve chiedere a me, bensì agli organizzatori. Io posso, nel caso, solo moderare, qualora venissi chiamato a farlo.
      Saluti

  3. Pingback: Marcia indietro (e due ps) | Il blog di Elio Fanali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...