Ripensare

Secondo quanto confermato dall’amministrazione comunale di Siena, i lavori in via Fiorentina si concluderanno prima dell’inizio delle scuole, fissato da queste parti per il 15 settembre. Dando uno sguardo allo stato del cantieri, dieci giorni mi appaiono pochini per il completamento del marciapiede, ma tant’è: la ditta che ha vinto l’appalto ha dato rassicurazioni, pare si effettuino anche doppi turni. L’altra considerazione è che sembra definitivamente abbandonata l’idea di proporre il senso unico (come è adesso con il cantiere aperto) in quel tratto di strada. L’esperimento tentava di alleggerire il traffico nella zona, soprattutto in uscita dalla tangenziale e in direzione centro storico, provando cioè ad “abituare” i senesi ad un maggiore utilizzo della strada Fiume. In effetti la fruizione di quel tratto appare più semplice per chi si vuole recare in zona centro, almeno dalle parti di Porta Ovile e Porta Pispini e per l’approdo alla Stazione e zona commerciale. In realtà, però, il problema mi sembra complesso, perchè attuare il senso unico in quel tratto di Via Fiorentina, al momento, crea imbottigliamento sia in entrata che in uscita dal centro. Per spiegarmi meglio, in queste settimane abbiamo notato lunghe file sulla direttiva via Fiorentina-rotonda di Palazzo Diavoli, ma anche da via Cavour fino alla rotonda stessa, in un primissimo momento messo anch’esso a senso unico. C’è inoltre la problematica relativa al senso unico nel tratto finale (quello a nord per capirsi) di vial Sclavo. Insomma già il traffico senese è abbastanza complicato per conformazione; per attuare uno snellimento lungo le “grandi direttive” (tangenziale e strada Fiume) servono probabilmente due cose: il completamento dell’anello intorno alla città, con il fantomatico “lotto zero” della Siena-Grosseto, unito anche al completamento delle grandi arterie che arrivano in città (ad esempio la Cassia); un ripensamento generale complessivo che non si basi su un unico provvedimento, ma un intervento insieme parcellizzato e generale.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Ripensare

  1. eliofanali ha detto:

    Per completta “copio e incollo” il commento su Facebook del Sindaco Bruno VAlentini a questo post.
    “Preciso un pò di cose. L’allargamento del marciapiede di via Fiorentina è un’opera attesa da anni, soprattutto da chi ha difficoltà a camminare e va/viene dal Petriccio. Era troppo complesso e costoso realizzare il percorso pedonale in altezza ed era impossibile realizzarlo sul lato perchè composto da varie proprietà private. Il marciapiede esistente aveva una larghezza minima di 65 cm. che verrà portata ad 1,20, corentemente con le norme sulle barriere archittetoniche per disabili. Sarà comunque, per la maggior parte, largo 1,50 cm. Al termine dei lavori, le carreggiate delle due corsie saranno di 3,25 mt per ogni lato (+ 20 cm. per la zanella) ed i vigili non dovranno più permettere che le auto vengano parcheggiate a lisca di pesce occupando la sede stradale. Del resto per vedere dove termina la proprietà privata basta leggere le mattonelle a terra già presenti. Infine, gli appalti prevedono un tempo massimo di realizzazione dei lavori e le ditte hanno, per legge, autonomia organizzativa garantita”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...