Una Fondazione così non serve a niente e a nessuno

La domanda sorge spontanea direbbe Lubrano. Ma una Fondazione Mps così a cosa serve? Risposta altrettanto “lubraniana”: a niente. Siamo passati dalle elargizioni a pioggia solo parzialmente controllate e correlate ai progetti al quasi niente. E non sto parlando della mancanza delle erogazioni stesse (qualcosina comunque arriva, ad esempio all’Accademica Chigiana e qua e là Palazzo Sansedoni si fa vedere). Sto parlando del progressivo e completo distaccamento da quello che è il territorio di riferimento. Già perchè passi l’ormai irrisoria partecipazione nella Banca di cui ancora la Fondazione porta il nome; passi una ormai blanda, anzi assente, difesa dell’ultimissimo e sottilissimo filo che trattiene la banca stessa a Sena (intanto gli ultimi cda si sono svolti a Milano…); ma che la Fondazione non faccia neppure “sforzi” per tutelare alcuni residui aspetti che riguardano la “comunità” non mi pare possibile. E’ quello che, di fatto, è accaduto con la Fises, Finanziaria Senese di Sviluppo, come sottolineato da alcune forze politiche e, oggi, da Rete Imprese (incomprensibile dove leggere anche alcuni dati sulla Finanziaria, oltre che sulle normative). Peraltro, come riportato da Daniele Magrini, il presidente Marcello Clarich sul documento di programmazione 2017 che, per l’appunto, conteneva una “indifesa” della Fises, è andato in minoranza in deputazione generale, salvo poi ripresentare il documento senza la parte sulla Fises e tornare “a galla”. Un sindaco, quando va in minoranza, è perlomeno in odore di dimissioni. Forse non è lo stesso per un Presidente della Fondazione, ma certo una verifica, stringente, va fatta. Ricordo che è nominato dal “territorio” (Comune, Provincia, Curia, volontariato): e a quello dovrebbe rispondere. Dovrebbe.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Una Fondazione così non serve a niente e a nessuno

  1. Romolo ha detto:

    Fa piacere vedere che finalmente tanti a Siena iniziano a pensarla come noi. Forse non eravamo i “due gufi” o ” i soliti contro tutto” o altre amenità simili. Più o meno come nel caso MPS-Antonveneta. Pietraserena sono anni, dalla tremenda era Mancini, che chiede pubblicamente una completa revisione dell’Ente, o il suo commissariamento (esposto a vari Enti pubblici del febbraio 2013), o la sua liquidazione (cosa ora non più attuabile vista la furbesca modifica dello Statuto fatta nel giugno di quest’anno). Viste le attuali posizioni non possiamo che essere certi della massiccia adesione di tutte le forze politiche alla Mozione del Movimento 5 Stelle che chiede proprio la completa revisione della Fondazione MPS per adeguarla alla nuova (purtroppo ridotta) realtà.
    E forse non solo quello.

    • eliofanali ha detto:

      Non sono mai stato così convinto del commissariamento. D’altra parte credo che l’era NMansi abbia dimostrato che le cose si possono fare in tanti modi. In ogni caso una verifica urge.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...