Montagna e topolino in pasto al popolino

Sarà anche un “esercizio di trasparenza”, ma più i giorni passano, più – come espresso nei post scorsi – la pubblicazione (centellinata, come una partita a poker) della fantomatica “black list” del Monte dei paschi, al momento non ufficiale, sta provocando un dibattito vacuo, fatto di punti esclamativi prima e di rettifiche, smentite, precisazioni poi. Esce un nome, si grida allo scandalo e si annuncia “io lo sapevo”. Poi arrivano le smentite secche (Comune di Colle val d’Elsa o il Gruppo Marcegaglia per fare qualche esempio). Quasi tutti sembrano a caccia dello “scoop”, quasi nessuno approfondisce perchè e cosa, come, quando. E soprattutto chi. Perchè dietro alla montagna di crediti deteriorati (quasi trenta miliardi di euro, due noccioline insomma) si nascondono altrettante situazioni: dall’ago al milione (non di euro). E dunque pubblicare i primi cento nomi o comunque i “grandi debitori” ha il sapore, almeno per questo blog, vagamente forcaiolo e poco concludente. Il concetto deve essere molto chiaro: tutti gli esercizi di trasparenza sono utili, compresa questa pubblicazione o la commissione di inchiesta parlamentare. In linea teorica. Ma il risultato finale, in linea pratica? Perchè la montagna rischia di partorire un topolino, come scritto altre volte, frantumando nel frattempo (e ulteriormente) quello che serve invece alla banca (e dunque, nell’ordine, a lavoratori, famiglie, imprese, indotto): la credibilità.  Nel frattempo, senza il sopracitato approfondimento, non si capisce nè chi ha concesso tali crediti, nè quali siano le ipotesi per recuperare qualcosa. Ma l’importante è dare in pasto qualche nome al popolino, che, sazio, si posizionerà sul divano a guardare la tv. Nel frattempo qualcuno ballerà, come al solito, sulle macerie di detta frantumazione. E il topolino si morderà la coda.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Montagna e topolino in pasto al popolino

  1. Pingback: Indovina chi? | Il blog di Elio Fanali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...