Una fake news?

Una piccola premessa all’uso di chi non mi conosce così bene: non sono fra coloro che amano bearsi e incensarsi, soprattutto per questioni lavorative (preferisco l’autoironia). Mi piace, quello sì, raccontare storie. E quando possibile farlo direttamente sul campo. Così questa mattina con la redazione di Radio Siena Tv mi sono incamminato verso Borgo Finocchieto, la splendida location che avrebbe dovuto ospitare Barack Obama nei prossimi giorni. E già fin dai primi contatti con il gentile sindaco di Buonconvento Paolo Montemerani mi sono sorti alcuni dubbi. Puntualmente confermati poi dai colloqui con la direzione del Borgo stesso che, di fatto, ha definitivo una “bufala” l’arrivo di Obama nel senese, per quanto tutto quel clamore avesse portato certo notorietà (leggi: pubblicità) alla location stessa. Al di là della notizia, senz’altro importante, mi è venuto da riflettere su come il mondo mediatico sia così schizofrenico da frullare e servire quasi qualsiasi cosa, che, quasi sempre, viene poi regolarmente digerito dal pubblico. Senza (ci mancherebbe) voler accusare nessuno e prendendo le cose per come le ho raccolte (quindi con le dovute molle e, per l’appunto, senza autoincensarsi), nel caso specifico sembra evidente come sia bastata una piccola scintilla per far accendere una fiamma, perfino internazionale (e che per fortuna non ha bruciato fisicamente nessuno): l’equazione Philips (ex ambasciatore Usa nominato da Obama) amico dell’ex presidente Usa e proprietario del borgo (in cui hanno fatto relax tanti altri grandi nomi internazionali, magari dell’assoluto silenzio mediatico) uguale ferie nel senese; equazione condita magari da aspetti di “promozione enogastromonica”. Eppure è bastato recarsi sul luogo per fare quello che bisognerebbe (notare il condizionale, perchè anche il sottoscritto non sempre riesce a farlo) sempre fare: verificare. E’ pur vero che un’agenda come quella di Obama può essere tenuta più o meno nascosta, può cambiare fino all’ultimo minuto e magari fra qualche giorno ci ritroviamo Obama a fare la spesa in un negozio di alimentari del centro storico di Buonconvento. Ma quella sarebbe, per l’appunto, un’altra storia. Peraltro bellissima da raccontare. Come quella del pensionato che abbiamo incrociato al bar del paese. “Viene Obama? Bene, ma ora vi offro un caffè. Ah non viene più? Va bene, ve lo offro lo stesso”.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Una fake news?

  1. Pingback: Editoriale de Il Santo con Rassegna Stampa – Il Chiantese dall’Eretico… Pochissimi davanti al tribunale per Tognazzi e Vecchi… | IL SANTO NOTIZIE DI SIENA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...