Orgoglio (e due ps)

Dunque il Toscana Pride 2018 si svolgerà a Siena, al momento in data ancora da stabilire. Prepariamoci a tutta una ridda di sentenze, slogan, commenti dei tuttologi del web e di fini analisti socio-antropologici, che ovviamente si cimenteranno nella dotta citazione della “libera manifestazione del proprio pensiero”, giocando però a nascondino con la mera offesa, che è cosa ben diversa. Credo fermamente nella libertà, concetto che si dimentica spesso, soprattutto quando si pone sul piatto (anzi sulla tastiera) un proprio giudizio in stile “mi piace”. E in questo concetto, a parer mio, è prevista anche la libertà di espressione sessuale. Invito dunque alla riflessione, prima di aprire bocca con “saggi” enunciati sui cortei e su chi verrà a manifestare, su dove, come, quando e perchè (e sulla chiusura delle strade, s’intende). Al di là delle considerazioni “politiche” (che, più che politiche dovrebbero essere “civili”), consiglio perlomeno di farne qualcuna dal punto di vista meramente economico. Nelle scorse edizioni hanno partecipato circa quarantamila persone che (incredibilmente come i “normali”, notare le virgolette più che ironiche) mangiano, bevono, dormono. Per dire.

Ps uno: sulla vicenda del regolamento antifascista ho scritto stamani sul “Corriere di Siena”: basta e avanza.

Ps due: come in un ”ps” dell’altrogiorno. In molti mi leggono e si arrabbiano: bene così, soprattutto quando non arrivano smentite e rettifiche. E non stanno arrivando…

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Orgoglio (e due ps)

  1. leonardo ha detto:

    non mi piace nessun tipo di ….pride quando e dove, per fortuna, non c’è più bisogno.
    Diventano solo esibizioni senza nessun fine, al pari di una prima fila di una contrada che esce da piazza o di un palco di uomini con lo sguardo truce. Solo apparire …..bisognerebbe non apparire più per un po’. Non può diventare tutto una logica di numeri e presenze quindi incassi per giustificarle qualsiasi cosa.

    • eliofanali ha detto:

      Non sono così convinto. Benchè credo che le cose siano cambiate (in positivo), credo anche che ci siano tutt’ora discriminazioni imponenti nel mondo. E che quindi il “pride” sia del tutto legittimo. Sulla “logica dei numeri”: beh non e’ che qualsiasi cosa va bene, perchè altrimenti sarebbe giustificabile anche un raduno di nazisti che sparano a qualsiasi cosa, ma la mia era solo una considerazione successiva ad un ragionamento piu’ ampio

  2. leonardo ha detto:

    ” qualsiasi cosa ” alla fine del discorso è da cancellare….il commento finisce con GIUSTIFICARLE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...