Forse finisce domenica. Anzi no

A volte è veramente interessante “spulciare” le interviste e le dichiarazioni dei candidati. Averne il tempo, probabilmente, spunterebbero aspetti da incorniciare per gloriosa e imperitura memoria. Oggi, per fare un esempio, mi hanno colpito particolarmente le dichiarazioni rilasciate dal candidato Leonardo Franci (Cinquestelle) al “Corriere di Siena”. L’ex centrodestra (già su questo ci sarebbe da dibattere, non lo dice il sottoscritto, ma le regole pentastellate prima e gli attivisti senesi poi) dice che “la banca va commissariata e probabilmente dovrà anche cambiare brand perchè non credibile”. Cambiare nome a Mps? “Certo, perchè ora è come un ristorante sputtanato (sic). Se le acquistasse un ristorante noto perchè vi si mangia male, non cambierebbe subito il nome? Ci vogliamo rendere conto che continuando così i risparmiatori perderanno anche i loro depositi? Ne vogliamo prendere atto?” Cosa ne pensa della presenza dello Stato? “Sono d’accordo. Ma non deve limitare a metterci i soldi, deve essere anche attivo nella gestione”. Dunque, da dove cominciare? Magari dal fatto che si tratta della banca più antica del mondo e non so dove e come Franci abbia studiato comunicazione, ma gettare lì sul tavolo (peraltro visto che accomuna Mps a un ristorante, magari potrebbe anche parlare dei camerieri…) un cambio di nome mi sembra quantomeno azzardato. Forse bisognerebbe specificare al candidato che un conto è una recensione su Tripadvisor, un conto parlare di una banca che occupa diverse migliaia di persone (senza contare indotto e risparmiatori): non è esattamente la stessa cosa, perchè una banca non è un psoto dove si fermano i camionisti e in base a quello ci si fermano anche gli altri “perchè ci si mangia bene”. Vorrei poi che Franci riuscisse a spiegare la frase sulla perdita dei depositi. Quando si parla di certe cose bisognerebbe essere precisi (visto che non si parla di libagioni): ad esempio bisognerebbe conoscere la normativa europea che impedisce, di fatto, che una banca possa fallire e che soprattutto vengano azzerati i depositi. Per dire. Franci forse dovrebbe rendersene conto. Infine (vi e mi risparmio il resto) vorrei capire il senso del “commissariamento”: chi dovrebbe commissariare? Lo Stato che è attualmente maggioranza? L’Unione Europea? Trump? Il Papa? Forse il candidato arriva un po’ tardi, perchè si poteva contestare la tempistica (qualcuno ha detto che doveva arrivare prima), ma il commissariamento è già un dato di fatto. Senza contare la successiva contraddizione: si al commissario (quale?), però lo Stato deve gestire. Certo, è solo un esempio, perchè non credo che altri candidati le sparino meno grosse. Una cosa è però (quasi) certa: domenica finirà. Anzi, no.

Ps: consiglio la lettura dell’intervista a Carolina Orlandi oggi sul “Corriere di Siena”. In qualsiasi modo si pensi sul dramma di David Rossi, è utile conoscere gli aspetti umani.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Forse finisce domenica. Anzi no

  1. Si vede che ha studiato comunicazione, la provocazione è arrivata e sono due giorni che ha monopolizzato il dibattito elettorale, troppo e volutamente carente su Mps, costringendo gli altri a rispondere. Poi ovviamente alcuni tuttologi senesi hanno fatto gli offesi e non hanno colto il contenuto, ma di tutti loro non ho colto alcuna controproposta. Anzi, molti ignorano termini quali governance e risoluzione e li sostituiscono con quelli che credono di comprendere… meno male rinevica così potranno sparlare di quello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...