Quel terzo tempo non solo sulla carta

Per fortuna qualche volta capita, anche nel mio mestiere. Emozionarsi raccontando un’emozione. E’ quasi come viverla due volte: essere lì da una parte, quindi percepirne i palpiti; provare a farne partecipe chi ti ascolta, coinvolgendolo nel miglior modo possibile. E non importa quanto sia “importante” (anche perchè è molto relativo) l’evento da raccontare. Nella mia due giorni in Sardegna, fra Olbia e Sinnai (vicino Cagliari) è successo. Per RadioSienaTv ero in terra isolana, finale di ritorno dei play off per la conquista della serie B da parte del Cus Siena Rugby (contro il 7Fradis Sinnai). L’andata (75-0) era andata molto bene, il ritorno è andato altrettanto bene. Serie B conquistata, risultato sportivo enorme, oltretutto per una società con supporto economico relativo e “fatta in casa”, con il contributo di tutti. Senza Mps, tanto per tornare su questioni che hanno riguardato anche l’Emma Villas Siena nel volley. Quello che mi è piaciuto (e che ho per l’appunto provato a trasmettere) è stato anche tutto quello che superficialmente si pensi faccia parte solo della “cornice” rispetto all’attività sportiva vera e propria, ma che invece è una caratteristica intrinseca di certe discipline: spirito, attaccamento, gruppo, vicinanza, rispetto dell’avversario, anche divertimento. In una parola: passione. In un’altra, per l’appunto: emozione. Di squadra, tecnici, dirigenti, volontari che tutti i giorni vivono il “Sabbione”, l’ormai mitico campo dell’Acquacalda, nato come scalcinato terreno di gioco da calcio e la cui celebrità è cresciuta esponenzialmente nel rugby con la crescita del movimento senese, portato avanti da pochi temerari appena qualche anno fa. Non è un caso se oggi ci sono più di trecento tesserati e altrettanti frequentatori di quegli spazi e non è un caso se il Cus Siena Rugby è diventato una delle più belle storie sportive della città. Il terzo tempo non è solo sulla carta, è nella testa. E si vede bene.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...