Andateci (e due ps)

Posso permettermi di dare un solo consiglio: andateci. Ad Auschwitz oppure in qualsiasi altro campo di sterminio. Respirate l’aria di quei luoghi, ascoltatene ancora il silenzio assordante. Per una volta, una “gita” (si fa per dire), che vale molto più di una lettura di un libro. Perché lì si tocca con mano e ci si rende conto davvero di cosa sia stato capace l’uomo, senza troppi giri di parole e senza troppe giustificazioni o “ehmaismi” che vanno tanto di moda non solo in questi giorni, ma quasi sempre in questi grami tempi. Credo che sia il migliore consiglio che si possa dare a chi nega o semplicemente dubita che tutto questo possa essere davvero successo. Oppure su chi solleva dubbi sull’utilità di certe “ricorrenze”. Quando sei lì, di fronte, per esempio, a quelle due tonnellate di capelli o a quella quantità di scarpe ti rendi davvero conto che tutto quello è successo, ci sbatti davanti. E non lo stai leggendo su un libro, per quanto toccante sia. Lo stai vivendo, ce l’hai davanti. E quei vestiti, quei forni non hanno colore. Ma ci sono. E vanno ricordati, in eterno.

Ps uno: gustosa rappresentazione dell’italiano medio attuale: da leggere (qui).

Ps due: divertente articolo del professor Maurizio Boldrini (qui).

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...