Sulla libertà (di stampa)

Si fa un gran parlare di stampa e di libertà di stampa (anche nella nostra città, ultimamente). Io lego questi aspetti a tanti altri, da contestualizzare (per esempio questo – a questo proposito ci saranno le nuove elezioni del Consiglio della Toscana, ma qualcuno ne vuole parlare o arriviamo sempre alle candidature dall’alto come ogni anno?) . E, soprattutto, rilancio da questo blog: vogliamo davvero fare la storia dell’informazione e della comunicazione di questa città? Avanti, c’è posto. Però con onestà intellettuale e con rispetto della storia: di tutti, nessuno escluso. E con trasparenza assoluta. Il che significa, da parte di tutti, ammettere le proprie responsabilità, fino in fondo. Ognuno per quelle che aveva, s’intende, editore, direttore, redattore, collaboratore, custode, bidello che fosse. Siamo sicuri che ci sia questa gran voglia, oppure quello che, ogni tanto, leggo qua e là (anche firmato da qualche collega), è solo la voglia (che avviene anche in altri settori, non vi preoccupate: Mps, per esempio) di lavarsi l’anima con una sciacquata di viso? Le cose non sono così semplici: e lo dico in un senso o nell’altro. Non si ricostruisce la storia con uno slogan, non ci si lava la faccia con un altro. O forse si, visto che, tanto, si preferiscono gli # alla lettura.

Sull’argomento, da leggere questo interessante post (qui).

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...