Che bello è

Che bello è constatare come le cose non cambino, anzi peggiorino. Secondo l’ultimo rapporto Oxfam (leggi qui) i ricchi sono sempre più ricchi e i poveri sono sempre più poveri. In sostanza la disuguaglianza sociale cresce, sempre di più e sempre con proporzioni maggiori. Mi vengono in mente le parole di Fusaro: forse non avrà ragione del tutto e lungi da me entrare a far parte della ahimè folta schiera dei complottisti a ogni piè sospinto, ma il dubbio viene. Quello secondo cui ci fanno scannare (solo sui social eh, ci mancherebbe altro) sulle parole di un artista (?) che dovrebbe andare a San Remo o su quelle di Amadeus, sulla Nutella e sui biscotti,  invece di farci parlare di questo. Una forma di distrazione di massa per la quale la priorità non diventa la nuova divisione delle classi sociali, che se prima era in nobili e plebei, poi borghesi e operai, adesso è, quasi più semplicemente, nei pochi ricconi e nei tanti poverissimi. Leggendo quello che dice Oxfam, ci sarebbe di che riflettere: e vale per tutti i colori del panorama politico, italiano e non. Ma alla fine, chi se ne frega: nel frattempo non ci lamentiamo su Facebook. E va tutto magnificamente. Che bello è….

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...