Diario dalla zona rossa – giorno ventotto

Inizia oggi la quinta settimana di “lockdown” italiano e, dunque, anche senese. Secondo gli ultimi dati la discesa comincia a prendere forma: diciamo che nella drammaticità della situazione è comunque una nota positiva, perché (come sottolineato altre volte) sarà comunque un periodo lungo quello che dovrà essere affrontato (più lungo di quello che ci siamo lasciati alle spalle), ma da qualche giorno dobbiamo pure cominciare, quindi meglio farlo prima possibile.

Non credo che tutti abbiano ben capito quale sia la situazione che stiamo affrontando. E quale sia l’immediato futuro da affrontare. Persi forse in beghe personali (l’ormai celeberrima guerra contro i runner, ad esempio) o perfino “divanistiche”, ci dobbiamo rendere conto che questa battaglia, forse meno lunga nel tempo, ma paradossalmente più subdola delle guerre storiche di cui narrano i libri, avrà pesantissimi strascichi nel tempo. Ci sono attività commerciali che rischiano seriamente di non riaprire, società, fabbriche, industrie che seriamente si pongono il dubbio se riattivare le macchine oppure no. E anche chi avrà la forza di farlo, dovrà con ogni probabilità procedere a tagli e ridimensionamenti.

Vogliamo guardare al nostro territorio? Con la crisi della banca, le “Terre di Siena”, al momento, puntano su sue settori principali. Il primo è la ricerca e la biotecnologia: su questo aspetto (la collaborazione Spallanzani-Tls è un esempio) Siena sta provando a ridiventare leader nazionale, questo peraltro potrebbe sancire anche un ulteriore lustro per l’Università (e il suo indotto). I riscontri occupazionali ed economici sul territorio non potranno però essere immediati, difficilmente potranno pareggiare le “perdite”. Il secondo è il turismo: e qui i problemi saranno enormi, almeno fino alla fine dell’estate, perché è logico pensare che le prenotazioni si siano azzerate per tutta la prossima stagione calda e, inoltre, in autunno molto dipenderà dall’evolversi dell’emergenza sanitaria nel resto del mondo e dalle eventuali restrizioni alla mobilità delle persone.

L’economia attuale è una sorta di “domino”: non c’è bisogno di essere degli analisti sopraffini per capirlo. Una catena con anelli molto legati fra loro, per cui è difficile che la crisi di un settore non investa pure un altro. Se pensate, per esempio, che la crisi delle presenze vada a colpire solo le strutture ricettive (intese ad ampio raggio), vi faccio un brevissimo elenco dell’indotto: personale (camerieri e cuochi, anche stagionali), pulizie, lavanderie, forniture alimentari, manutentori e ho solo citato i primi che mi sono venuti in mente. Pensiamoci.

Alcune news sparse. Sono realtà le mascherine distribuite in tutto il territorio regionale promesse da Enrico Rossi ieri (leggi per esempio qui), cui il Comune di Siena, da par suo, ha aggiunto 26mila mascherine. L’ordinanza della Regione è online (qui), da notare che l’uso diventerà obbligatorio a partire dalla distribuzione, come si legge. Nelle prossime ore verranno rese note le modalità di distribuzione. Le elezioni regionali verranno spostate (qui): era nell’aria,  ora arriva la certezza. Si andrà alle urne a ottobre. Infine una chiosa sul calcio: si riparte forse il 20 maggio, forse più tardi, forse si finirà in autunno per evitare ricorsi legali e quant’altro. Con una nota: la serie A è un conto, la serie C (che interessa la Robur) un altro conto, viste le difficoltà economiche che affronteranno le società della terza serie. Per cui dubito che la Lega Pro possa affrontare come “formalità” un’eventuale ripartenza. Per lo sport delle nostre parti, conclusa ufficialmente anche la stagione di pallamano (notizia di oggi).

Chiudo linkando due articoli interessanti. Il primo riguarda una ricerca tutta senese (Dario Caro e Edoardo Conticini) sulla correlazione fra virus e inquinamento. Da leggere tutto d’un fiato. Il secondo sulla rinnovata mancanza di equilibrio: occhio ai criminali della passeggiata!

Continua il viaggio di “Visioni della città” (qui e su youtube).

Questa voce è stata pubblicata in Diario dalla zona rossa e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...